Connettiti con noi

News

Sampdoria Juve: le tre cose che non hai notato

Pubblicato

su

Sampdoria Juve: le tre cose che non hai notato del match di Marassi. Gli episodi curiosi sfuggiti all’attenzione dei più

Sampdoria Juve: le tre cose che non hai notato. Oltre alla doppietta di Morata e alla super parata di Szczesny in occasione del calcio di rigore di Candreva, oltre al quindicesimo risultato utile consecutivo, oltre al +9 momentaneo da Roma e Atalanta (che hanno rispettivamente una e due gare in meno). Tre episodi sfuggiti all’attenzione dei più.

1. Giallo Vlahovic: prima titolare, poi va in panchina

Vlahovic gioca, anzi no. Il pre partita della sfida di Marassi è stato scosso dalla notizia immediatamente successiva al lancio delle formazioni ufficiali di Sampdoria-Juve. In un primo momento il serbo figurava tra i titolari, qualche minuto dopo invece ci si è accorti della sua assenza dall’undici iniziale. Il motivo? Un semplice errore nell’invio della distinta prima della sfida, che però ha creato più di qualche scompiglio tra addetti ai lavori e non. In molti avevano prontamente pensato alla possibile “allegrata“, ma in realtà sono state confermate tutte le sensazioni delle ore precedenti alla partita: in campo sono andati Morata e Kean, autori peraltro di una bellissima partita.

2. Morata si scatena con Kean: il balletto è già virale

Alvaro Morata è stato uno dei protagonisti della bella vittoria della Juventus sul campo della Sampdoria. Lo spagnolo si è preso la scena non solo grazie alla doppietta realizzata sul terreno di gioco di Marassi, ma anche per un’esultanza già diventata virale sui social. L’attaccante si è lasciato andare ad un balletto in coppia con Kean che non è sfuggito ai tifosi bianconeri: «Non è tanto nella mia personalità, però mi è venuta voglia di farlo in quel momento. Cuadrado mi chiede di ballare nello spogliatoio ma non l’ho mai fatto davanti a lui» ha spiegato sorridendo lo stesso Morata nel post partita.

3. Rabiot chiede scusa ad Allegri: Max risponde a modo suo

Al minuto 73 Rabiot rischia di combinarla davvero grossa: tocco di mani in area da parte del francese, che regala alla Sampdoria la possibilità di accorciare le distanze dagli undici metri. Due minuti più tardi, Allegri decide di richiamare lo stesso centrocampista in panchina. Prima di prendere il proprio posto tra i suoi compagni, Rabiot decide di scusarsi con Allegri per l’ingenuità commessa qualche minuto prima del cambio. Il tecnico della Juventus ha risposto a suo modo: «Va bene, va bene. Hai fatto fare bella figura a Szczesny» ha detto ironicamente Allegri.