Connettiti con noi

Hanno Detto

Sara Gama: «Stiamo riscrivendo la storia del calcio femminile italiano»

Pubblicato

su

Sara Gama, capitano della Juventus Women, ha parlato dopo la partita col Sassuolo del quinto Scudetto delle bianconere

(Mauro Munno inviato a Vinovo) Sara Gama ha parlato dello Scudetto vinto dalla Juventus Women. Le parole del capitano.

IN COSA E’ DIVERSO QUESTO SCUDETTO – «È diverso perché non era affatto scontato. Abbiamo avuto tanti impegni in più e quindi abbiamo dovuto dare qualcosa in più come ogni anno. È diverso in questo senso però gli ingredienti di base che mettiamo sono buoni anzi sono ottimi e quindi stiamo facendo cose straordinarie e serve dirlo. Stamattina non sapevo nemmeno io che stavamo per fare un record italiano, è qualcosa di straordinario. Stiamo veramente riscrivendo la storia del calcio femminile italiano».

COSA C’ERA NELLO SPOGLIATOIO AL CAMBIO DI ALLENATORE – «C’era semplicemente voglia di di lavorare, di imparare cose nuove e lo abbiamo fatto, abbiamo messo qualche ingrediente differente che è servito in questo lungo anno che dobbiamo ancora finire. Penso che questo si sia visto però la base non cambia mai. Il cuore di questa squadra è qualcosa di importante e lo manteniamo».

QUANTO E’ STATO DIFFICILE REINVENTARSI – «È sempre difficile perché devi essere mentalmente elastico e saperti adattare. Credo che tutte quante noi lo abbiamo dimostrato. Poi soprattutto, quando in testa hai un obiettivo, metti da parte te stessa e questa è la prima cosa fondamentale. Quando sei in una squadra non puoi guardare al tuo ma devi guardare all’obiettivo e quando lo fai nel frattempo i passi sono quelli giusti».

PROFESSIONISMO – «Vuol dire qualcosa di eccezionale. È senz’altro il trofeo numero uno di quest’anno. È il lascito che la mia generazione fa a quelle che verranno. Anche noi usufruiremo del professionismo ma per un tempo ridotto. Stiamo lasciando le cose migliori rispetto a quelle che abbiamo trovato. Vale tantissimo, solo noi sappiamo quanto abbiamo fatto per ottenerlo».

CREDERE ALLA COPPA ITALIA – «Assolutamente, adesso abbiamo due trofei in bacheca quest’anno e portare a casa il terzo sarebbe qualcosa di straordinario per noi, qualcosa che fino adesso in cinque anni non abbiamo mai fatto. Quindi approcceremo con umiltà a quelle che sono le detentrici del titolo però vogliamo portarlo a casa nostra perché sarebbe un record ulteriore da mettere in bacheca».