Sarri: «Il mio spirito è lo stesso di quando ero a San Giovanni»

Iscriviti
sarri
© foto www.imagephotoagency.it

Sarri: «Il mio spirito è lo stesso di quando ero a San Giovanni». Le parole del tecnico bianconero dalla Festa dei 100 anni del Figline

(dal nostro inviato) – Rientrato nella sua Figline Valdarno in occasione della Festa dei 100 anni del Figline, Maurizio Sarri ha parlato così dal palco del teatro Garibaldi.

Le sue parole: «Se sono ancora quello di un tempo? Ma io penso e spero di sì. Mi meraviglio sempre di tutto. Un mese fa mi hanno chiamato a Nyon per una riunione tra i top allenatori europei. Però lo spirito lo spirito è lo stesso. La gente pensa che le emozioni arrivino dalla mediacità e ma ce le hai dentro. L’emozioni che io ho provato a San Giovanni le ho rivissute poche volte da allenatore, anche di fronte a partite internazionali o ad una finale europea. Spero di essere lo stesso perché in campo mi sento lo stesso».

RINGRAZIAMENTO AL FIGLINE – «Grazie. Questa è una maglia a cui sono molto affezionato. Una delle squadre che rimangono nella pelle. Non è successo solo a me, ma a tanti allenatori e giocatori. Ti senti dentro una famiglia».

PASSIONE CICLISMO –Io sono strano: se in tv c’è una partita di calcio o una tappa del Tour De France io guardo  la tappa del Tour de France».

VIZIO DEL FUMO – «A che età ho iniziato a fumare? Fino a quando giocavo, fumavo la domenica sera durante le partite. Durante la settimana pochissimo, quasi mai».

Condividi