Sarri: «Mancano 4 punti allo scudetto, Ronaldo è impressionante»

© foto www.imagephotoagency.it

Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, ha parlato al termine del match dell’Allianz Stadium tra i bianconeri e la Lazio

Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine del match dello Stadium tra bianconeri e Lazio. Il tecnico toscano ha commentato la prestazione dei suoi uomini.

SCUDETTO – «Parlare di opportunità… È come avere l’opportunità di un gol. Se lo sbagli non conta niente. Dobbiamo fare 4 punti in 4 partite, tutte ravvicinate. Sono tutti punti difficili, rimaniamo sul pezzo e facciamoli».

POSSIBILE SCUDETTO GIOVEDI’ – «Hai fatto una frase con tre se… Al primo se avevo già staccato la spina».

RONALDO – «Ronaldo quando sente l’odore è un giocatore impressionante. Ha un recupero da una partita all’altra impressionate, soprattutto a livello mentale. È un fuoriclasse nei piedi e nella testa».

PAROLE PARATICI – «Che resto? Per forza, c’ho il contratto».

GOL SUBITI E CHAMPIONS – «Quest’anno abbiamo preso 12 rigori contro. Un numero straordinariamente alto, così come quello di rigori assegnati in Serie A. Molti gol li abbiamo presi staccando la spina. Non credo che in Champions ci saranno delle partite in cui saremo in grande vantaggio. Questo dovrebbe aiutarci mentalmente. Ma sarà una Champions atipica: molte squadre sono in pre campionato, altre hanno finito la stagione. Questa sosta non è stata rilassante, ci sono stati mille morti al giorno. È una situazione eterogenea. Noi dobbiamo recuperare un risultato, per poi focalizzarci sulla final eight che sarebbe un risultato importante. Ma non sarà semplice».

SCUDETTO CORONAMENTO DELLA CARRIERA – «Comincio a toccarmi… Parti dal presupposto che ho smesso di fare il mio mestiere per arrivare un allenatore di livello europeo. Ma io mi ero solo annoiato del mio lavoro e speravo di riuscire a vivere facendo qualcosa che mi appassionava».

RECORD RONALDO – «Cristiano è imprevedibile. Se si mette in testa qualcosa, il livello di determinazione. Vedremo se sarà il caso di farlo riposare. Se la condizione è questa non ne ha bisogno. Ieri si è bloccato Dybala per un mal di schiena, oggi Gonzalo ha avuto un problema anche alla schiena nel riscaldamento. Oggi Dybala stava leggermente meglio ma non volevo rischiarlo dall’inizio». 

FAR GIOCARE DYBALA O HIGUAIN – «A volte scelgo anche in base all’avversario. Se è meglio portare fuori la difesa o andare più spesso in profondità. Ma molto ci concentriamo anche su chi sta bene e chi ha bisogno di tirare il fiato».

Condividi