Sarri: «Importante aver raggiunto l’obiettivo ma bisogna migliorare»

sarri
© foto www.imagephotoagency.it

Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, ha parlato al termine del match di Champions tra i bianconeri e la Lokomotiv Mosca

Maurizio Sarri, allenatore della Juventus, ha parlato in mixed zone al termine del match di Champions League tra i bianconeri e la Lokomotiv Mosca. Il tecnico toscano ha analizzato la prestazione dei suoi ragazzi.

LA PARTITA«È arrivata una vittoria importante, qualificarsi alla quarta partita in un girone da sei non è semplice e infatti mi sembra che non succedeva alla Juve da 10/11 anni. È un risultato di alto livello. Detto questo, abbiamo fatto una partita tatticamente di basso livello: sapevamo che ci avrebbero aspettati bassi e avrebbero approfittato degli spazi. Gliel’abbiamo concessi: la nostra fase difensiva è stata di rincorsa, non di faccia».

CRISTIANO RONALDO – «L’uscita di Ronaldo è stata fatta per timore, lui già nel finale di primo tempo aveva un affaticamento all’adduttore. Io ci ho parlato due-tre volte nel secondo tempo, non l’ho visto tanto convinto di rimanere in campo. Mi sembrava fosse diventato poco fluido, per evitare un infortunio andava fatto il cambio».

DOUGLAS COSTA E DYBALA – «Abbiamo una panchina in cui spesso è facile azzeccare il cambio. Quando metti giocatori di qualità contro avversari stanchi è facile che facciano bella figura. Abbiamo la fortuna di avere questa panchina, probabilmente qualche giocatore l’abbiamo messo in difficoltà noi dello staff. Però avevamo la sensazione che la squadra fosse stanca. Forse 6-7 in un colpo solo sono troppi».

RABIOT«A livello personale bene, è stato uno dei pochi che ha recuperato qualche pallone importante. A livello tattico, come gli altri: i centrocampisti non hanno tenuto benissimo la posizione».