Sconcerti: «Ronaldo guarda a se stesso, la Juve vorrebbe Lukaku»

Iscriviti
sconcerti
© foto www.imagephotoagency.it

Sconcerti: «Ronaldo guarda a se stesso, la Juve vorrebbe Lukaku». Così il noto giornalista alla ripresa del campionato

Mario Sconcerti, nota firma de Il Corriere della Sera, ha fatto il punto sul campionato nel suo editoriale.

«In un anno il campionato è molto cambiato. La scorsa stagione la Juve aveva 8 punti sul Napoli, 16 sull’Inter e 21 sulla Lazio. Oggi l’Inter è ancora insieme alla Juve e la Lazio è in scia. Perché? Cosa è cambiato? La Juve è tornata normale, non è più convinta di dover correre. Ronaldo è un grande ma non guarda la partita, guarda se stesso. L’Inter è cresciuta intorno a Lukaku e soprattutto Lautaro. È lui il giocatore dell’Inter che tutti vorrebbero, anche la Juve. La Lazio ha trovato un terreno fragile intorno a una squadra compiuta. Aveva problemi a credersi, è stata la normalità degli altri a spingerla dove poteva stare da tempo(…). Segnalo i 19 gol di Immobile. Li avessero segnati Ronaldo o Lukaku saremmo sommersi di colori. La Juve è ancora vuota a metà, ha perso per strada i giocatori in più che aveva. Nell’Inter ogni uomo è una fortezza. Credo che Sarri invidi a Conte la libertà di gestione che si è conquistato. Rivolta l’Inter come vuole, come Sarri non può rivoltare la Juve. Sarri trova Conte un tecnico dal gioco basico, elementare, ma gli invidia la forza con cui riesce a imporre la sua libertà di scelte».

Condividi