Il segreto del Real Madrid? Il piemontese ‘Sergente’ Antonio Pintus!

© foto www.imagephotoagency.it

I successi del Real Madrid non dipendono solo dalla qualità dei suoi campioni: dietro le quinte c’è il super lavoro di Antonio Pintus

Forse non tutti sanno che il segreto dei numerosi successi del Real Madrid, ottenuti negli ultimi anni, è anche merito di un piemontese, nato a Torino e residente a Castegneto Po. Il suo nome è Antonio Pintus, ribatezzato dai giocatori il ‘Sergente’. Mestiere: preparatore atletico.

Zidane lo ha voluto fortemente con sè a Madrid e i risultati gli stanno dando ragione. Pintus può vantare un’esperienza quasi trentennale con tappe in club prestigiosi come Juventus, Chelsea e Monaco. Proprio negli anni vissuti in bianconero, il metodo di lavoro di Pintus ha fatto breccia in Zidane e Deschamps che lo hanno poi chiamato durante le loro esperienze da allenatori di club. In particolare con Zizou è nata un’amicizia speciale tanto che il tecnico francese ha chiesto espressamente il suo ingaggio alle massime cariche del Real Madrid, non appena ha assunto i gradi di allenatore della prima squadra.

I risultati del lavoro di Pintus vengono riconosciuti anche dai giocatori stessi, piacevolmente sorpresi dal fatto che, lo scorso anno, nonostante le fatiche del Mondiale per Club, la squadra è riuscita ad arrivare in fondo a tutte le competizioni senza pagare dazio.

«Se stiamo così bene fisicamente il merito è di Pintus. Abbiamo spinto molto a inizio stagione e pure durante le vacanze di Natale», queste furono le parole di Marcelo a cui si unirono quelle di Modric: «La mini-preparazione che abbiamo fatto a dicembre si sta notando. Tutto diverso rispetto a due anni fa».

A svelare il segreto del successo del suo lavoro ci ha pensato lo stesso Pintus: «Ho avuto la possibilità di lavorare in diversi club e penso che non si debba mai credere di avere la verità in tasca. Ci vogliono un sacco di umiltà e la capacità di adattarsi a culture diverse. In Francia si lavora ancora tanto fisicamente, si fanno correre i giocatori durante la preparazione pre campionato. In generale, in Inghilterra, in Italia, il lavoro di fondo che si fa in Francia non si fa più, perchè si pensa che il lavoro con il pallone sia sufficiente per mettere in forma un giocatore. Io credo che la verità stia nel mezzo, bisogna lavorare sia senza che con la palla». 

I vari Cristiano Ronaldo, Modric, Isco e Benzema rappresentano sicuramente il 60% dei successi dei Blancos ma se dietro le quinte non c’è un lavoro certosino, curato nei minimi dettagli, difficilmente si riuscirà ad alzare trofei al cielo.

Articolo precedente
capelloCapello: «Nazionale? Mancini non basta, sullo scudetto…»
Prossimo articolo
oliverReal Madrid-Juventus affidata al fischietto inglese Micheal Oliver