Sissoko a RBN: «Onorato di aver giocato alla Juve. I tifosi mi fanno sentire l’affetto»

sissoko
© foto www.imagephotoagency.it

Mohamed Lamine Sissoko, ex centrocampista della Juve, ha rilasciato alcune dichiarazioni ricordando l’esperienza in bianconero

Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso della trasmissione Social Club, è intervenuto l’ex centrocampista della Juve Mohamed Lamine Sissoko. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

JUVE«Per me è stato un grande onore giocare per la Juve. Quando ero giovane ero un fan di Zidane e da fan di Zizou volevo giocare alla Juve. L’ho fatto e adesso posso dire ai miei bambini che ho giocato per la Juve».

CENTROCAMPO«La Juve ha giocatori bravissimi a centrocampo. Mi piacerebbe giocare in questa squadra, ha giocatori fortissimi».

GOL PIU’ BELLO«Quello al Palermo fu un bellissimo gol, è il mio preferito più di quelli in roveciata».

RICORDO ALLA JUVE«La Juve è una grandissima istituzione. Io ho giocato in tante squadre importanti, Valencia, Liverpool. La verità è che la Juve è una grandissima società che permette ai giocatori di rendere al 100%».

RAPPORTO CON I TIFOSI«Ricevo tanti messaggi dai tifosi della Juve, mi fanno sentire sempre l’affetto. Io ho smesso da poco, ma i messaggi che mi arrivano mi fanno sentire orgoglioso e contento di quello che ho fatto».

COMPAGNI«Ricordo tutti con affetto: Del Piero, Nedved, Camoranesi, Trezeguet. Con David ci siamo visti un mese fa ad una partita in Marocco e abbiamo parlato di tutti i bei momenti che abbiamo passato insieme. Ho un bel rapporto con tutti, sono grandi campioni».

LIONE«Deve fare attenzione ai francesi. La Juve è favorita però il Lione è una squadra giovane con tanta qualità. Non è facile giocare nel loro stadio, però son convinto che se la Juve fa quello che sa fare può vincere».

CARATTERISTICHE«A me piaceva recuperare i palloni però ogni giocatore ha la sue qualità, a me piaceva lavorare per la squadra e aiutare i compagni più tecnici di me. Lottare per i miei compagni era la cosa più bella che piaceva fare».

Condividi