Sliding doors Pirlo: nel 2017 poteva diventare il vice di Conte

© foto www.imagephotoagency.it

Sliding doors Pirlo: nel 2017 poteva diventare il vice di Conte. C’erano state voci sull’approdo del Maestro al Chelsea

Gazzetta questa mattina racconta un interessante retroscena sul rapporto tra Andrea Pirlo e Antonio Conte. I due saranno amici-rivali nella prossima stagione di Serie A.

«Il rapporto si è evoluto, la stimasi è rafforzata e ha superato il 2015 quando Pirlo, già in Mls, giocò qualche partita per la Nazionale di Conte ma non venne convocato per l’Europeo. Nel 2017 ci sono state voci su Pirlo vice di Conte e invece eccoli, qui, amici rivali, ognuno con i suoi punti a favore. Conte ha il vantaggio di lavorare con un gruppo di lavoro conosciuto (però, anche se non può dirlo, in mezzo al campo sostituirebbe volentieri Brozovic con il Pirlo del 2011). Lui, Andrea, ha una squadra più forte ma non ha mai vissuto una stagione in panchina e può solo farsi un’idea del carico di stress, di polemiche, di decisioni difficili che lo attende. Ha giusto un vantaggio: conosce il suo amico. Se questo è un inseguimento senza regole, sapere come corre il tuo avversario no».

 

Condividi