Stendardo a RBN: «Ripresa? Occorrono buonsenso e mediazione»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Gugliemo Stendardo ha parlato della possibile ripresa e dei vari nodi da sciogliere per ripartire. Le sue parole

Ai microfoni di Radio Bianconera, Guglielmo Stendardo, ex giocatore e avvocato, ha parlato della possibile ripresa della Serie A e dei nodi da sciogliere.

«Il 28 ci sarà un incontro decisivo, Spadafora incontrerà la FIGC innanzitutto per capire quali saranno i modi per poter riprendere il campionato il 13 o il 20 giugno. Si sono fatti passi in avanti per il protocollo che è importante che sia condiviso. Nei prossimi giorni avremo una serie di incontri che determineranno il futuro. Rimangono dei rebus evidenti, come il rinnovo dei contratti in scadenza il 30 giugno che non possono arrivare in maniera automatica, e la questione stipendi il cui taglio non può arrivare in maniera unilaterale. Occorre buonsenso e mediazione tra le parti per poter addivenire ad accordi condivisi tra giocatori e società. Poi c’è la questione aperta tra Lega e broadcaster, nei prossimi giorni capiremo se si potrà arrivare a un accordo o se partiranno i decreti ingiuntivi. Sono tanti gli interrogativi che ci fanno capire che non è ancora tutto chiaro».

Condividi