Tacconi a RBN: «La Juve sta preparando un top player come allenatore»

Tacconi
© foto www.imagephotoagency.it

Stefano Tacconi, ex portiere della Juve, ha rilasciato alcune dichiarazioni parlando del prossimo allenatore sulla panchina bianconera

Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso della trasmissione ‘Cose di calcio’, Stefano Tacconi ha raccontato qualche aneddoto legato ai suoi anni alla Juve. Parole importanti, poi, sul futuro allenatore bianconero. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

PERMANENZA DI ALLEGRI – «È lo stile Moggi. Quando Moggi diceva ‘No, lo teniamo con noi per 20 anni’, era già venduto. Mai fidarsi».

COPPA DELLE COPPE – «Magari fossi di gomma ancora oggi (ride n.d.r.). Dalla delusione di Atene, arrivai alla Juve e vinsi al primo anno lo Scudetto e la Coppa delle Coppa. Fu una grande soddisfazione, per uno come me che arrivava ad Avellino insieme a Vignola».

LO SPOGLIATOIO – «Prima cosa stare zitti. C’erano sette campioni del Mondo, dentro lo spogliatoio qualche tirata di zoccolo c’era. No, c’erano le ciabatte di gomma come oggi. Vedevi sempre Trapattoni arrivare per ultimo e li calmava tutti. In quel periodo Furino e Platini non si potevano vedere: dopo la delusione di Atene è stato un anno fondamentale per la Juve».

IN CAMPO – «Mi ricordo che Trapattoni fischiava a Platini per chiedere un cambio e Platini gli rispondeva che ci pensavano loro in campo. Erano tutti allenatori in campo: una squadra di allenatori».

PROSSIMO ALLENATORE – «La Juve sta preparando un top player come allenatore. Ci sarà qualche sorpresa sicuramente: Mourinho e Guardiola mi vengono in mente. Si dovrà investire su un allenatore che faccia vincere».

ALLENATORE DA JUVE – «Come stile Juve Guardiola e Inzaghi. Anche Sarri e Mourinho sono ottimi allenatori, che con quattro/cinque vittorie possono far dimenticare tutto».