Torino, cosa bolle in pentola per il derby di mezzogiorno ?

© foto www.imagephotoagency.it

Domenica alle ore 12:30 andrà in scena il 196esimo derby della Mole. Quale sarà la ricetta di chef Mazzarri?

Il Torino viene da una serie di risultati utili consecutivi, sette per l’esattezza, che ha stimolato l’ambiente, dando un grossa iniezione di fiducia ai ragazzi di Walter Mazzarri in vista del derby, per centrare una vittoria contro i bianconeri che manca dal 26 Aprile 2015.

I granata al momento occupano la nona posizione in campionato, ma lotteranno fino all’ultima giornata per un posto in Europa League. Dopo aver concesso agli occhi dei tifosi e allo sguardo attento delle telecamere l’allenamento di ieri, nella giornata odierna Mazzarri ha programmato e svolto una doppia seduta di allenamento a porte chiuse al “Filadelfia“, per tenere massima la concentrazione e gli stimoli in vista di domenica.

Il derby di mezzogiorno sarà il vero banco di prova per i granata, la prova del nove per capire se effettivamente il Torino potrà ambire o meno a posizioni di classifica più prestigiose. I granata faranno di tutto per mettere il bastone tra le ruote alla Juventus, impegnata in un testa a testa avvincente con il Napoli di Maurizio Sarri, l’ultima squadra capace di vincere allo “Stadio Olimpico Grande Torino“, alla 17esima giornata, per 3-1.

Il 4-3-3 “mazzarriano” è una certezza oramai, simbolo di gioco propositivo, a tratti imprudente, ma sicuramente molto efficace, risultati alla mano. Ansaldi è in ballottaggio con l’ex Molinaro per un posto sul binario di sinistra. A centrocampo, invece, Acquah o Joel Obi andranno a completare il centrocampo granata insieme a Baselli e Rincon. Per quanto riguarda il reparto offensivo, Andrea Belotti è tornato a segnare e, a meno di clamorose sorprese, guiderà l’attacco insieme a Niang e ad uno tra Berenguer e Ljajic.

Velocità di pensiero ed esecuzione, idee di calcio ben precise ed uno status mentale ottimale sono gli ingredienti con i quali chef Mazzarri tenterà, dalla tribuna, di superare l’esame più importante da quando allena il Torino. La Juventus è avvisata, domenica ci sarà da battagliare!

Articolo precedente
juventus womenJuventus Women – Russo: «Guarino fantastica, il mio è il ruolo più bello»
Prossimo articolo
buffonJuve, il coraggio di un salto nel vuoto per realizzare il sogno Champions