Tripaldelli, parla papà Paolo: «Dimostrerà suo valore in Olanda»

tripaldelli
© foto www.imagephotoagency.it

Il giovane ex Juventus Alessandro Tripaldelli è emigrato in Olanda dopo l’esperienza al Sassuolo. Parla il papà Paolo

Alessandro Tripaldelli è stato probabilmente il migliore dell’anno scorso nella difficile stagione della Juventus Primavera. Il ragazzo ha dato una grande mano all’ex mister Dal Canto. E a gennaio le sue prestazioni sono state notate dal Sassuolo, il quale lo ha portato in Emilia. Ma proprio in Emilia Tripaldelli non è riuscito a trovare spazio. In estate, dunque, la decisione di emigrare in Olanda allo Zwolle.

Una scelta che ha reso il giovane felice e carico. A confermarlo è stato il papà del ragazzo, Paolo: «Inizialmente, Alessandro era molto vicino al passaggio al Palermo. La trattativa era ben avviata, ma i rosanero non potevano garantire un certo un numero di presenze. Per Alessandro è molto importante giocare, e quindi questo aveva portato all’interruzione della trattativa. È stato invece molto bravo il Sassuolo a chiudere in pochissime ore la trattativa: Alessandro era a Milano con i suoi amici quando ci chiamò il suo procuratore. L’idea di competere in una piazza come Sassuolo, che da sempre ha un occhio di riguardo per i giovani, è stata molto allettante e ha convinto Alessandro ad accettare subito il trasferimento. C’è da dire che il passaggio di Alessandro allo Zwolle è stato un po’ un fulmine a ciel sereno, una vera e propria trattativa lampo. Fin dal suo arrivo a Sassuolo è stato seguito da diversi club, in Inghilterra, in Spagna, in Francia, ma anche in Italia. A questo bisogna aggiungere l’ottima prestazione nell’Europeo Under 19 in Finlandia, che ha avuto sia risvolti positivi che negativi: infatti Alessandro, finito l’Europeo, ha avuto pochissimo tempo per la preparazione atletica precampionato con i neroverdi. Questo lo ha spinto a chiedere il prestito alla dirigenza, e lo Zwolle è stato il più veloce di tutti. Credo che questo possa essere un ottimo modo per guadagnare esperienza e dimostrare di avere le carte in regola per competere a certi livelli».

Articolo precedente
Mbappé fan di Ronaldo: «Grazie a lui guardo la Serie A». E sulla Champions…
Prossimo articolo
duncan sassuoloDuncan sfida la Juventus: «Sarà dura ma ci proveremo»