Var Pensiero – Luigi Schiffo (RTL 102.5): «Lo avevamo detto»

Pioli
© foto www.imagephotoagency.it

Il punto della settimana di Luigi Schiffo (RTL 102.5)

Altro giro, altro regalo. L’ultima giornata di Serie A ha regalato un altro “carro degli scontenti” in quello che, vista la ricorrenza in corso, potremmo chiamare il CarneVar settimanale.

Pioli (Fiorentina-Juve rigore per il mani di Chiellini dato dall’arbitro e tolto dal Var): “Guida doveva andare a vedere il monitor della Var”. Donadoni (Inter-Bologna mani di D’Ambrosio lasciato correre sia dall’arbitro sia dal Var): “Il braccio di D’Ambrosio era largo, era rigore!”. Oddo (Torino-Udinese gol annullato dal Var a Barak): “Ci è stato annullato un gol in modo assurdo”.

Lasciamo correre le classifiche senza Var che circolano parallelamente a questo campionato (e perché non quelle senza rigori sbagliati o senza gli autogol, visto che gli errori arbitrali ci sono esattamente come quelli dei giocatori?), rinviamo ad un’altra occasione i discorsi sui minuti di recupero (9 a San Siro…) e torniamo a noi.

“Però… noi lo avevamo detto”

Spiace sempre dire: “L’avevamo detto”. Ma proprio la scorsa settimana i questa rubrica avevamo indicato esattamente le problematiche sottolineate dalle dichiarazioni dei tre allenatori sopra citati: il monitor a bordo campo va rimosso (decide l’arbitro al Var che è lì apposta, inutile far rivedere le proprie decisioni a un direttore di gara in campo in una situazione tanto folkloristica quanto carica di tensione), i falli di mano sono valutati sempre soggettivamente come consentito dal regolamento (e qui ci è venuto incontro Donadoni, che ha la nostra stessa idea: “ogni tocco di mano in area sia fallo per regolamento, senza margini di interpretazione”, altrimenti rassegnamoci ad interpretazioni opposte anche nella stessa giornata tipo Chiellini-D’Ambrosio), il campo di applicazione della Var è molto ampio e quindi si può annullare un gol come quello dell’Udinese (bisognerebbe restringerlo a una casistica predefinita e quanto più possibile relativa a fatti oggettivi e influenti direttamente su gol, rigori o espulsioni).

Luigi Schiffo (RTL 102.5)

Articolo precedente
marchisioMarchisio bocciato in Champions, ora Allegri deve farci i conti
Prossimo articolo
juventus-torinoJuventus: periodo di fuoco, testa al Toro