Verona-Juve: le tre cose che non hai notato

Iscriviti
buffon
© foto www.imagephotoagency.it

Verona Juve: le tre cose che non hai notato del match del Bentegodi. Gli episodi più curiosi sfuggiti all’attenzione dei più

Verona-Juve: le tre cose che non hai notato. Oltre la sconfitta, oltre l’amarezza. Tre episodi sfuggiti all’attenzione dei più.

1. Dybala, ma dove vai?

Pre partita un po’ confuso per Paulo Dybala. Uscito dal tunnel si dirige verso la panchina sbagliata, poi ravveduto cambia destinazione. Approfittando della sfilata non prevista a bordocampo, si concede anche un saluto ai tifosi. Solo che, raggiunti i compagni, non riesce a trovare il posto ambito vicino a Buffon… altro cambio. Spaesato.

2. Pallone sgonfio, anzi no

Inizia il secondo tempo ma… c’è qualcosa che non va. Il pallone e non è un dettaglio. Sgonfio? Massa prova a testarne la pressione: tutto sotto controllo, si può continuare a giocare. Stop and go.

3. Buffon, una mano a Sarri

Qualcosa da registrare nei movimenti offensivi dopo l’ingresso in campo di Paulo Dybala. Dove non vede Sarri, vede Gigi Buffon che diventa allenatore in seconda. Qualche indicazione decisa dalla panchina e l’arcano è risolto. Aiuto da casa.

Condividi