Connettiti con noi

Hanno Detto

McKennie: «Futuro? Rimpiazzarti è facile. Allegri e Pirlo diversi in questo»

Pubblicato

su

Weston McKennie protagonista di un’intervista su DAZN che sarà disponibile da domani. Eccone un’anticipazione

Weston McKennie si è raccontato in 1 vs 1, format in onda su DAZN. Le anticipazioni riprese dalla Gazzetta dello Sport dell’intervista disponibile da domani.

10 GOL – «Ne mancano sette, si può fare».

MAMMA – «Mi manda messaggi: “Oggi sembri un po’ pesante, devi essere più veloce, difendere meglio” oppure “Hai giocato bene, bel gol, mi hai stupito”».

HARRY POTTER – «Passione nata per i disegni sulle copertine dei libri».

SERIE A – «In Italia ho imparato la tattica, è come giocare a scacchi: prima sei in una certa posizione, poi quando la palla è in un punto del campo devi essere dall’altra parte».

DIFFERENZE TRA ALLEGRI E PIRLO – «L’esperienza. Allegri allena da non so quanti anni, Pirlo ha finito da poco di giocare. È diverso quando non puoi fare niente concretamente. A volte, mentre stavamo giocando, dopo che qualcuno aveva fatto un passaggio, lo guardavo a bordocampo e capivo cosa stesse pensando “io avrei fatto un altro passaggio, io avrei fatto meglio, perché non hai calciato così?”».

FUTURO – «Ho imparato in tanti modi diversi che il calcio è un grande business e se non riesci a fare il tuo in un club come la Juventus, rimpiazzarti è tanto facile quanto prenderti».