Connettiti con noi

Hanno Detto

Zauli: «Si passa da queste partite. 2022? Daremo fastidio a chi sta sopra»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Lamberto Zauli, allenatore della Juventus U23, ha parlato in conferenza stampa dopo la partita con la Pergolettese

(Marco Baridon inviato allo Stadio Moccagatta di Alessandria) – In conferenza stampa, Lamberto Zauli ha parlato dopo Juventus U23 Pergolettese. LA CRONACA DEL MATCH

PAREGGIO – «È stata una partita in cui la Pergolettese ha il suo stile di gioco, gioca a calcio, ha avuto situazioni nel primo tempo come noi con la traversa e l’occasione di Da Graca. In partite così equilibrate gli episodi fanno la differenza: dispiace perché dopo il vantaggio ci doveva essere più decisione, meno errori per dare sicurezza alla squadra. Si passa anche da queste partite, giocando ogni 3 giorni non è mai semplicissimo. Oggi abbiamo commesso qualche piccolo errore che ha compromesso la nostra vittoria».

PALUMBO – «È arrivato alla fine del mercato, era aggregato all’Udinese e ha giocato poco negli ultimi anni. Sta crescendo fisicamente, di autostima. Può giocare in un centrocampo a due e davanti alla difesa. Ha piede, lancio lungo, visione di gioco, verticalizza abbastanza bene e ha un ottimo tiro. Ha tante qualità per poter fare qualcosa. Dovrà migliorare la quotidianità, credere in se stesso perché può migliorare».

LEONE FATICA NEL CENTROCAMPO A DUE – «Abbiamo fatto delle buone partite col centrocampo a due, lo stesso Leone le ha fatte. Oggi abbiamo faticato in generale, eravamo lenti nel giro palla e nell’uscire dal pressing avversario. Il cambio è relativo alla partita, l’ho visto meno brillante. Leone è un giocatore importante».

SOFFERTI GLI ESTERNI DELLA PERGOLETTESE – «La Pergolettese gioca bene, sin dall’anno scorso ha giocatori esperti in rosa. Morello è stato protagonista nell’annata scorsa, Bariti è un giocatore esperto che ha un passo importante per la categoria».

COSA SI PORTA DIETRO DAL 2021 E COSA SI AUGURA PER IL NUOVO ANNO – «Siamo in pieno campionato, oggi era la prima del ritorno. Siamo tra le prime: questo campionato è caratterizzato da società composte da tante cose importanti che giocheranno per vertici importanti. Noi vogliamo dare fastidio a chi sta sopra, migliorare la gestione delle partite, tecnicamente e i singoli giocatori. Questo campionato è impegnativo per i nostri ragazzi: ogni errore può essere utile. Mi aspetto un crescendo di questo atteggiamento nel voler migliorare, e di conseguenza migliorerà anche la squadra. Abbiamo chiuso a 28 punti l’andamento dell’anno solare, vogliamo dare continuità se non migliorare questo andamento».

GIOCATORI ALLENATI LO SCORSO ANNO PROTAGONISTI IN B E A – «La gratificazione di allenare l’Under 23 o la Primavera l’anno precedente è che ti affezioni a questi ragazzi molto giovani. Dai loro molti consigli sul campo e fuori e quando iniziano a diventare grandi e vedi miglioramenti è la gratificazione più grande. Vedere i ragazzi veramente protagonisti in categorie e piazze importanti fa piacere. Fagioli? Ha sempre dimostrato grandi qualità. L’importante era uscire perché i ragazzi capiscono la responsabilità, giocare con compagni con esperienza e le qualità escono fuori. Allargo anche a Ranocchia, Dragusin: è una soddisfazione, vuol dire che la Juventus sta lavorando bene».

Advertisement
Advertisement

New Generation

Advertisement

TV BIANCONERA

Advertisement