Scudetto 1997/1998, c’è l’accusa: «Gli episodi a favore della Juve non sono normali»

© foto www.imagephotoagency.it

Scudetto 1997/1998: Ze Elias, ex calciatore dell’Inter, ha parlato così di quella stagione e lanciato un’accusa alla Juve

Intervistato da Il Posticipo, Ze Elias ha parlato così dello Scudetto 1997/1998 e di quella stagione così al centro di polemiche. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

SCUDETTO 1997/1998 – «Secondo me lo meritavamo soprattutto visto tutto quello che è successo dopo. Ai giocatori della Juve va riconosciuto il fatto di aver vinto alcune partite con merito. Non ti danno il rigore per intervento su Ronaldo, l’azione continua, nell’altra area capita qualcosa di simile e ti fischiano il penalty contro: sai, sono cose difficili da accettare ed è difficile dire che sono cose che capitano. Gli episodi a favore della Juve contro Empoli e Udinese non sono state cose normali. Anni dopo si è scoperto che cosa accadeva. Nel 1997-98 l’Inter avrebbe meritato sicuramente di più».

CONTE«Non mi importa che Conte è ex juventino perché é sempre stato professionale. Conte ha la testa dura e vuole vincere. Magari deve calmarsi un pochino perché quando si perde si perde tutti insieme: non perdono solo la società oppure solamente i giocatori. Conte si è lamentato spesso dicendo che mancano calciatori e altre cose. L’Inter pensava fosse l’uomo giusto per far crescere i giovani trasmettendogli la sua esperienza: ed è esattamente quello che è successo con Barella. Conte deve capire questa cosa».

Condividi