Zironelli: «Non troviamo la vittoria nonostante le prestazioni»

zironelli
© foto Rai Sport

L’allenatore della Juventus U23 Mauro Zironelli ha parlato al termine del match di campionato in trasferta contro la Pro Patria

(Giovanni Albanese inviato al “Carlo Speroni” di Busto Arstizio) Mauro Zironelli, allenatore della Juventus U23, ha parlato in zona mista al termine del match di campionato contro la Pro Patria. Ecco le sue parole. LA CRONACA DEL MATCH

DELUSIONE – «Ha tirato bene il rigore e il calcio d’angolo Le Noci, non mi sembrava una partita con l’ago della bilancia a favore loro. Ci sono state altre situazioni che è meglio che non commento. Abbiamo fatto un buon primo tempo, il nostro portiere non ha fatto parate come il loro. Abbiamo fatto venti minuti in dieci benissimo, abbiamo preso anche la traversa. Stiamo facendo prestazioni superiori rispetto all’andata, abbiamo dimostrato di essere migliorati tanto».

RAMMARICO – «C’è rammarico, ovvio. Anche sull’espulsione, sul fallo a pochi secondi dalla fine, sui tre minuti di recupero con otto sostituzioni. Nonostante il campo abbiamo provato a giocarla e c’eravamo quasi riusciti a portarla a casa. Poteva starci anche il pari. Non posso dire niente ai ragazzi sotto l’aspetto agonistico, sapevamo che Le Noci era bravo sui tiri piazzati ma non è bastato».

MOKULU – «Più di così non poteva fare. Ci ha fatto salire, ora abbiamo questa caratteristica che ci permette di salire. Abbiamo più libertà con i mediani, con lui che ci porta via i giocatori, dobbiamo lavorare meglio quando attacchiamo la porta. Abbiamo poche caratteristiche di goleador».

Queste invece le parole rilasciate a Rai Sport: «Era cominciata bene, abbiamo fatto una grande prestazione anche in 10, abbiamo preso gol su due calci piazzati, dove sapevamo che Le Noci la metteva lì ma non siamo riusciti ad arrivare in tempo. Abbiamo fatto un bel pressing anche con uno in meno, siamo andati più volte al tiro. Del resto non ne parlo. Era difficile il campo, ma abbiamo reagito bene. Abbiamo preso due gol evitabili e davanti alla porta non abbiamo fatto bene. Momento in cui non riusciamo a trovare la vittoria nonostante le prestazioni, siamo molto diversi dall’inizio del campionato. Prima ce le meritavamo, oggi meno. Pereira ha fatto tre allenamenti, mi sembrava troppo metterlo davanti, erano 40 giorni che era fermo. Ha preso la botta a dicembre e si è allenato il 28 gennaio, speriamo si riprenda in fretta».