AAA cercasi Alex Sandro: la clamorosa involuzione del brasiliano

© foto www.imagephotoagency.it

Anche nel match di ieri sera, il terzino della Juventus non ha giocato una partita all’altezza delle sue potenzialità

Vi ricordate quel calciatore che macinava chilometri sulla fascia sinistra ma che non perdeva lucidità sotto l’aspetto tecnico, devastante in entrambe le fasi e che con i suoi deliziosi cross forti e precisi ha regalato tanti assist ai compagni e tante gioie ai tifosi bianconeri? Bene, quel giocatore era Alex Sandro, lo stesso Alex Sandro che in questo primo spezzone di stagione è a dir poco irriconoscibile.

IL DECLINO – La partita di ieri sera, infatti, è stata soltanto la conferma di come il brasiliano stia vivendo un momento di crisi notevole dal punto di vista delle prestazioni e la mancanza di tranquillità gli reca difficoltà anche nelle giocate semplici: oltre a non essere riuscito mai a rendersi pericoloso in fase offensiva e ad essersi invece fatto saltare tante volte dagli avversari blaugrana nell’1 contro 1, l’ex terzino del Porto ha sbagliato anche tanti appoggi facili e ha letto male fasi della partita tutto sommato semplici. Tali pecche, oltretutto, gli sono valse addirittura alcuni fischi da parte del pubblico dello Stadium che è stanco di perdonargli queste prestazioni sottotono, così come lo è Allegri, che lo sta molto spesso alternando ad Asamoah anche in partite delicate (vedi quella di San Siro contro il Milan). Alex Sandro deve ritrovarsi al più presto perché la Juve ha bisogno di lui e poi, continuando così, il suo prezzo si svaluterebbe notevolmente e la cifra di 70 milioni che era disposto a spendere il Chelsea per acquistare il brasiliano la scorsa estate potrebbe rappresentare in futuro un’autentica follia.