Agente Rugani: «La Juve lo apprezza, avanti insieme fino a giugno»

© foto www.imagephotoagency.it

L’agente di Daniele Rugani, Davide Torchia, parla del futuro del difensore bianconero. Le parole del procuratore

Ai microfoni di Tmw Radio è intervenuto Davide Torchia, agente di Daniele Rugani, che ha parlato così del suo futuro.

PAROLE PARATICI«Le parole di Paratici prima della gara contro la Roma sono state chiare. La Juve apprezza molto Daniele per quello che ha fatto negli ultimi quattro anni. Il ds della Juve lo stima e sa che non è lì per caso: la concorrenza è tanta, questo è normale, e lo spazio non è per tutti lo stesso. Cinque difensori creano forse un problema di gestione, oltre che a uno economico, visto che si deve rientrare dopo le spese che si fanno. Se arrivano buone offerte per calciatori in un ruolo dove c’è abbondanza è chiaro che vengano accettate».

SCARSO IMPIEGO «Daniele è un ragazzo molto tenace. Ci sono caratteri e caratteri, qualcuno molla ma lui no. Si allena tutti i giorni come se dovesse essere in campo in ogni partita. Gli cambia poco. Non è facilissimo giocare spezzoni di gare e trovare il ritmo ma l’attitudine di Rugani lo porta a essere sempre pronto. Deve dare sempre il massimo per guadagnarsi un po’ di spazio».

OFFERTE PER RUGANI«Diciamo che c’era qualche interessamento. Inevitabilmente il tutto si scontra o si associa con la valutazione economica. Prendere un giocatore come Daniele vuol dire pagarlo tanto e riconoscergli il giusto stipendio. I budget, anche delle medio-alte, rispetto alla Juve sono inferiori e il gap è molto alto. Il problema per le altre squadre è proprio questo, c’è tanta distanza. Per vendere ci deve essere l’acquirente ma se non è in grado di comprare si crea il problema. In Inghilterra una squadra di media classifica può permettersi di prendere giocatori che in Italia giocano nelle prime quattro della classifica».

INGAGGIO ALTO«Spero che non diventi una gabbia ma il discorso è chiaro e la problematica c’è. In Italia le cose ormai vanno in questa direzione».

FUTURO«Avanti fino a giugno? Sì. Mi dispiace molto per Demiral che dovrà restare fuori per alcuni mesi. Meno male è un giocatore giovane e tornerà più forte di prima. Detto questo, i numeri devono tornare: Chiellini viene da mesi di inattività e il turco starà ai box fino al termine della stagione. Una squadra come la Juve deve avere quattro difensori centrali e quattro terzini. I bianconeri non possono fare a meno di Rugani in questo momento».

DISCORSI CON LA SOCIETA’«No, non esiste che un club come la Juve vada a parlare con un giocatore solo quando potrebbe scendere in campo».