Agnelli e i suoi avvocati esaminano i precedenti: ecco la contromossa

andrea agnelli
© foto www.imagephotoagency.it

La corte d’appello federale ha accettato un’istanza presentata dagli avvocati di Agnelli ed hanno rinviato il giudizio al 4 dicembre

Contromossa Juventus e giudizio rimandato. Quest’oggi alle 16, infatti, sarebbe dovuto andare in scena il tanto concitato giudizio relativo alla posizione del presidente della Juventus Andrea Agnelli ed alcuni suoi collaboratori, rei di aver venduto illegalmente dei biglietti ad alcuni capi ultrà per accedere allo Stadium, ma così non è stato: insieme ai suoi avvocati, infatti, Agnelli ha presentato un’istanza alla Corte contenente alcuni precedenti di processi giudiziari simili, in quanto si sono resi conto che le pene comminate sono sempre state più blande e non vi è traccia di inibizioni per il presidente del club ritenuto colpevole. Il presidente bianconero, invece, era stato condannato ad un anno di inibizione ed inoltre la società Juventus aveva ricevuto una multa di 300 mila €.

LA RISPOSTE DELLA CORTE – La Corte d’appello federale, evidentemente, è rimasta un po’ spiazzata da questa contromossa adottata da Agnelli ed il suo entourage ed ha preferito rinviare il giudizio al prossimo 4 dicembre, asserendo che in tal modo ci sarebbe il tempo permettere l’acquisizione di nuovi atti relativi a casi precedenti e analoghi. A questo punto, quindi, la Corte d’Appello potrebbe trovarsi a costretta a cercare motivazioni ancor più forti per confermare le sanzioni che ha intenzioni di rivolgere ad Agnelli.