Allegri fiducioso: «La squadra sa cosa deve fare, Monaco straordinario»

allegri
© foto Massimo Pinca

E’ un Massimiliano Allegri di ottimo umore quello che si presenta in sala stampa al “Louis II” di Montecarlo. «Marchisio per Khedira? A livello di gioco non cambia niente. Cambia un pò a livello fisico: Claudio è molto in forma. Monaco non ha mai perso? Spero domani sia la prima volta (ride), è una squadra che gioca in modo diverso da due anni fa, con molte più verticalizzazioni».

OTTIMO ATTACCO – «Monaco segna tre gol a partita in Champions? Dobbiamo giocare due partite perfette per andare in finale, lo sappiamo. Arbitro spagnolo? Ho la massima fiducia, nel modo più assoluto. Sconfitta della Roma? 9 punti è un bel vantaggio, ma non cambia niente nel modo di preparare questo match. Abbiamo poi tre giorni per preparare e vincere il derby».

MONACO – «I dati dell’ultima partita di due anni fa dicono che il Monaco è cambiato in fase offensiva e in quella difensiva. Due anni fa la sensazione era che avesse molta più solidità. Sarò ancora il mister il prossimo anno? Dopo mi incontrerò con la società, non abbiamo tempo ora. Jardim sta facendo un lavoro straordinario, ma non solo quest’anno».

HIGUAIN– «Gonzalo acquistato per vincere la Champions? Sono contento di cosa sta facendo, deve stare sereno (e lo è) perchè sta facendo un’annata straordinaria come tutta la squadra. Magari poi domani segna e allora diventerà l’uomo Champions. Falcao? Prima dell’infortunio era uno dei più forti al mondo, ora sta tornando quel giocatore straordinario».

MBAPPE’ E NON SOLO – «L’attacco del Monaco parla con i numeri. Ha giocatori che si trovano bene insieme: Falcao è un giocatore d’area, d’esperienza, il ragazzo (Mbappé ndr) ha molto dinamismo. Anche Bernardo Silva è cresciuto molto». 

BERGAMO – «Le parole chiave per domani? Ci penserò e dovrò dirle alla riunione tecnica. La squadra ormai sa già cosa deve fare, siamo a fine stagione. Non deve fare come a Bergamo». 

Articolo precedente
juventus-monaco buffonBuffon torna ragazzino: «Nato per giocare queste partite»
Prossimo articolo
Rassegna Bianconera di mercoledì 3 maggio 2017