Allegri e la firma del contratto, parla Andrea Agnelli

allegri juventus champions league
© foto www.imagephotoagency.it

Il contratto di Allegri scade nel giugno 2018, l’intenzione della dirigenza è quella di non avere in panchina un allenatore in scadenza: ecco le parole di Andrea Agnelli

Due finali perse in tre anni, ma per il resto sempre obiettivo centrato sia in Campionato che in Coppa Italia. Questo il bilancio di Max Allegri, che a questo punto si dovrà sedere e parlare con la dirigenza del suo rinnovo di contratto. Il nodo cruciale è la motivazione, perchè Cardiff brucia e brucerà ancora. Molto più di Berlino 2015. Con quale stato d’animo il mister si accinge il prossimo anno ad affrontare una nuova stagione in bianconero? In ogni caso una certezza c’è: la Juve non vuole avere un allenatore in scadenza sulla propria panchina.

AGNELLI – Interpellato a caldo dopo la partita così si è espresso Andrea Agnelli ai microfoni di Premium Sport: «Con Allegri ci incontreremo con calma e serenità. Perchè bisogna avere calma e serenità per progettare il futuro. E in quei venti minuti si deciderà». Max ha risposto invece con ancora tutta la delusione in volto: «Sulla panchina della Juve il prossimo anno? Sì..ci sarà. E questa sconfitta farà da stimolo per raggiungere di nuovo la finale». Parole tinte però da una grande amarezza.

Articolo precedente
bonucciBonucci, quale futuro? «Orgoglioso di aver fatto parte di questo gruppo»
Prossimo articolo
LichtsteinerLichtsteiner – Juve, ultimo anno insieme: «Manca qualcosa»