Allegri striglia i suoi: «Non dobbiamo essere presuntuosi. Sul Cagliari…»

allegri juventus
© foto www.imagephotoagency.it

La conferenza stampa di Massimiliano Allegri alla vigilia di Juventus-Cagliari, 1ª giornata di Serie A, 2017/2018

Prima conferenza stampa della stagione per Massimiliano Allegri. L’allenatore della Juventus ha parlato in conferenza prima del match con il Cagliari, in programma domani alle ore 18 all’Allianz Stadium di Torino. Queste le parole del tecnico bianconero: «Il primo pensiero va alle vittime di Barcellona. Oggi non parlo di mercato e non parlo di Matuidi perché non è ancora un nuovo giocatore della Juve. Telefonata con Sokratis? Impossibile. Domani sarà la prima partita di campionato che è sempre un’incognita e noi dobbiamo pensare a quello. La Juve vince da 6 anni e sarà difficile vincere per il settimo anno. Juve favoritissima? La Juve è favorita ma se e solo se tutti dobbiamo lavorare a testa bassa, senza presunzione, ad iniziare dalla sfida con il Cagliari. Supercoppa? Abbiamo giocato, dal 10′ al 45′ del primo tempo, una partita tecnicamente molto brutta. La Lazio ha vinto meritatamente».

Prosegue Massimiliano Allegri parlando della Supercoppa, di De Sciglio e di tanto altro ancora: «A me dispiace aver fatto un precampionato troppo positivo in tournée e questo ci ha fatto perdere di vista la realtà. Ho trovato analogie con il campionato di due anni fa, quando ci fu una brutta partenza dopo la sconfitta in finale di Champions. Dobbiamo però evitare di partire come quell’anno perché quest’anno abbiamo un finale di campionato molto difficile, con tre scontri diretti nelle ultime 6 giornate. Domani avremo 0 punti e per arrivare in testa alla fine del campionato bisognerà fare un punto in più delle altre. Se tutti ci mettiamo a lavorare, con calma e con equilibrio senza pensare a quello che può succedere. Dybala? Gli ho parlato, quest’anno deve continuare a crescere. De Sciglio? Può ritrovarsi».

Condividi