Connettiti con noi

Hanno Detto

Allegri a Dazn: «Scudetto? Non è roba per noi. Vlahovic deve migliorare»

Pubblicato

su

Massimiliano Allegri, allenatore della Juve, ha parlato a Dazn dopo la sfida contro il Verona. Le sue dichiarazioni

Ai microfoni di Dazn, Massimiliano Allegri ha parlato dopo Juve Verona. Le sue dichiarazioni.

ARIA NUOVA – «C’era entusiasmo per l’arrivo dei nuovi. La società han preso tre giocatori che hanno fatto gol tutti e tre (Gatti con il Frosinone ndr.), bravi e fortunati. La partita è stata tosta, loro corrono molto. Abbiamo approcciato bene, i tre davanti hanno lavorato bene costruendo diverse occasioni. Sono contento, ma bisogna rimanere sereni perchè il cammino è lungo. Era importante vincere, sarebbe stato un peccato non farlo. Complimenti comunque al Verona che ci ha fatto dannare, ma alla lunga è venuta fuori la qualità che abbiamo».

GIOCATORI DI QUALITA’ – «Li farei giocare tutti quelli che hanno qualità. Stasera c’era bisogno di tecnica là davanti, sono stati bravi in entrambe le fasi. Paulo ha fatto una bella partita sul piano del sacrificio. Alvaro uguale, entrambi hanno fatto assist. Sono contento di tutti. Importante anche la partita di Arthur, più difensivamente. Può crescere molto, stasera era più veloce, giocava a due tocchi. Lavoriamo, giovedì c’è la Coppa Italia, vogliamo la semifinale. Poi penseremo all’Atalanta».

QUOTA SCUDETTO E QUOTA CHAMPIONS – «Riguarda Napoli, Inter e Milan, noi momentaneamnete siamo fuori. Per la Champions a 80 bisognerà arrivare sicuro».

SCUDETTO – «Pensiamo all’Atalanta. E’ lunga, davanti viaggiano. Lo scudetto riguarda le tre davanti, anche se credo l’Inter abbia qualcosa in più. Ci mancano quei quattro punti che ci avrebbero consentito di lottare per altro, ma non li abbiamo fatti quindi pensiamo a giocarcela con l’Atalanta».

CUADRADO – «Noi bisogna essere bravi ad andare avanti il più possibile ovunque. E’ straordinario, ha giocato 5 gare in campionato, poi è andato in Nazionale. E’ normale che abbia bisogno di recuperare non tanto fisicamente ma mentalmente».

VLAHOVIC – «Ha iniziato non benissimo, deve migliorare sugli stop per avere più pulizia di gioco. Nella lotta si esalta, ma oltre a quello deve essere più bravo a lavorare sul destro. Ha 22 anni, non ha l’esperienza a grandi livelli come quelli della Juve. Si esalta, deve migliorare nella pulizia».

ZAKARIA COME MATUIDI – «Matuidi era più aggressivo, lui arriva più da pantera. Lui è bravo ad intercettare i palloni, ma è intelligente e capisce velocemente e stasera si è buttato molto bene dentro. L’importante è stare tutti bene, perchè solo così possiamo vincere più partite possibili».