Allegri: «Scudetto? Un passo avanti importante»

allegri
© foto Massimo Pinca

Il tecnico livornese al termine del match contro la Sampdoria: «Era fondamentale vincere oggi. Ottimo primo tempo, uno dei migliori della stagione»

Al termine del match contro la Sampdoria, in sala stampa a Marassi, Allegri si presenta in versione ben diversa rispetto a quella visto in campo, almeno a tratti. Il nervosismo e la tensione lascia spazio ad un’analisi serena della gara: «Ero nervoso soprattutto per l’episodio di Dani Alves a terra. La palla era nostra e dovevamo buttarla fuori. Sono malizie che qualche nostro ragazzo deve ancora avere, dobbiamo migliorare in questi atteggiamenti. Ma sono contento di questa vittoria, non sono ancora i tre punti scudetto ma un buon passo in avanti. Era fondamentale vincere oggi perchè dopo la sosta andremo a Napoli. E avremo altre trasferte insidiose come Roma, e Atalanta. E in più il derby. Da queste gare passa il campionato. Oggi è stata una bella gara, giocata bene da noi sul piano dell’intensità tecnica e fisica, specie nel primo tempo, uno dei più belli della stagione, in cui abbiamo creato tanto e sbagliato qualche golletto. Nel secondo potevamo fare meglio nella gestione ed essere più ordinati nella fase difensiva. Abbiamo preso tre o quattro ripartenze e commesso un paio di marcature preventive sbagliate. Gli stessi errori già commessi contro Udinese, Milan e Porto. Su questo dobbiamo continuare a lavorare».

Sulle prestazioni dei singoli Allegri si sofferma sugli argentini: «Higuain non ha segnato ma ha lavorato tanto per la squadra, ha corso molto, non ha trovato il gol ma lo farà alla prossima. L’infortunio di Dybala non dovrebbe essere nulla di grave. Paulo ha avuto un indurimento al flessore della coscia».

Infine non può mancare un altro commento sul big-match che attenderà i bianconeri in Europa nei quarti di finale: «Deve essere la normalità giocare contro top club come il Barcellona: si può passare il turno o no ma le altre squadre devono rispettarci. Il mio contratto? Con la società sono in ottimi rapporti, le cose vanno bene. Al momento giusto mi chiameranno e ci siederemo intorno al tavolo…».

Articolo precedente
buffonGianluigi Buffon, il nuovo record di minuti in Serie A
Prossimo articolo
buffon casillasBuffon: «La Champions stimolo per continuare a giocare»