Allegri: «Spero nel recupero di Marchisio e su Conte…»

allegri
© foto Massimo Pinca

Le dichiarazioni in sala stampa di Max Allegri alla vigilia di Roma-Juve

Sulla via per lo Scudetto, Max Allegri vuole gustarsi ogni momento. «Contro la Roma sarà una partita bellissima per valori tecnici e sportivi: entrambe le squadre devono ancora raggiungere i propri obiettivi. Vanno fatti i complimenti ai giallorossi e al Napoli che hanno fatto cose straordinarie in un campionato difficile come quello italiano».

SCUDETTO – «Domani per la prima volta possiamo vincere lo scudetto senza dipendere dagli altri. Ma se no senza “spaccarci la testa”, ci concentreremo sulla finale di Coppa Italia. Facciamo un passo alla volta…Alla Champions penseremo più avanti. Sarà tutto diverso rispetto a due anni fa quando molti non se l’aspettavano che arrivassimo in finale. Prepareremo la partita al momento giusto, e non sarà tanto una questione tattica, quanto mentale. Il Pallone d’oro a Buffon? Sto leggendo che nel caso della vittoria di Champions, potrebbe conquistarlo. Lo meriterebbe a prescindere.»

CENTROCAMPO K.O – «Khedira difficilmente ci sarà contro il Crotone e in Coppa Italia. Ci sono Rincon, Lemina, Sturaro. Speriamo di recuperare Claudio per mercoledì. Mediamente, ed è un merito dei ragazzi e della società che mi ha messo questa rosa a disposizione, da una partita all’altra abbiamo cambiato da cinque a otto giocatori. Benatia? Domani gioca e sono molto contento che il suo cartellino sia stato riscattato. E’ un giocatore straordinario, con lui la Juve ha una delle difese più forti d’Europa»

CONTE  – «Bisogna fargli i complimenti perché vincere in un campionato nuovo e difficile non era semplice. Sono tanti gli allenatori italiani che hanno vinto all’estero. I nostri allenatori dimostrano di essere preparati e meticolosi nella costruzione della fase tattica e dell’impianto di gioco».

Articolo precedente
antonio conteDa Vialli ad Ancelotti fino a Ranieri e Conte: ecco gli ex bianconeri vincenti in Premier
Prossimo articolo
Roma-Juventus: novità in attacco