Connettiti con noi

News

Audero: «Pirlo, Buffon e la mia avventura alla Juve: dico tutto»

Pubblicato

su

Emil Audero, portiere della Sampdoria, ha raccontato la sua giovane esperienza alla Juventus ai microfoni di Sky Sport. Le sue parole

Emil Audero, all’anti vigilia della sfida tra Sampdoria e Juventus, ha raccontato la sua giovane esperienza in maglia bianconera. Le sue parole ai microfoni di Sky Sport.

BUFFON«Alla Juventus ero un ragazzino e ho avuto la fortuna di allenarmi con Buffon, vedere il suo carisma dentro e fuori dal campo. In quegli anni cercavo di prendere qualsiasi cosa da quei campioni e con Pirlo siamo stati tante volte a provare qualche punizione: l’esito è stato quasi sempre negativo per me».

RICORDI«La prima panchina con la Juve era stata nel derby, quello vinto all’ultimo secondo in casa, e se guardate la partita sono stato il primo ad andare ad abbracciare Pirlo dopo il gol. Quella volta Buffon aveva la febbre, in porta giocava Storari e mi dissero vai con la prima squadra. La prima volta non ti rendi conto e le cose che vengono spontanee sono le migliori ma spero di riabbracciarlo dopo una nostra vittoria».

RONALDO – «Uno come Ronaldo non lo puoi studiare. LO vediamo da sempre e di lui sappiamo vita morte e miracoli, è un giocatore che ha tutto e ha così tante qualità e spunti che c’è poco da studiare».

JUVENTUS – «Sarebbe bello strappare almeno un punto alla Juventus. Ci siamo andati vicini al mio primo anno quando abbiamo perso 2-1 allo Juventus Stadium. Da lì in poi abbiamo sempre fatto buone prestazioni, a livello mio personale sarebbe bello strappare qualche punto ma vediamo le cose passo per passo».

CONTINUA A LEGGERE LE PAROLE DI AUDERO SU SAMPNEWS24.COM

Continua a leggere
Advertisement