“Bar Paradiso”: le pagelle bianconere di Barcellona-Juventus

© foto www.imagephotoagency.it

Barcellona-Juventus 3-0, ecco le pagelle. Si salvano in pochi dalla disfatta al Camp Nou Pagelle di Don Moreno titolare di “Bar Paradiso”

Buffon voto 6: sbroglia una situazione pericolosa con una uscita spericolata ma elegante. Poi una o due di quelle parate che solo un portiere come lui fa sembrare semplici. Il resto non lo può prendere. E guarda sconsolato.

De Sciglio voto 5.5: un azzardo di Allegri quello di schierarlo nell’undici titolare? Inizia con un tiro coraggioso a cui l’arbitro nega il calcio d’angolo. Dalla sua parte Jordi Alba non lo disturba troppo. Poi si infortuna e regala la sua solita Descigliata quotidiana. Dembele però non aveva visto il video di Juve-Lazio.

Sturaro voto 6: prima partita nel ruolo di terzino destro. Entra in tempo per assistere allo scambio supersonico Messi Suarez Messi. Dalla sua parte il Barca crea meno pericoli e la sua prestazione ne guadagna.

Barzagli voto 5.5: il Barcellona davanti offre pochi punti di riferimento. Sbroglia diverse situazioni pericolose con esperienza. Pizzicato in mezzo nello scambio che porta al gol ma era difficile chiedergli di più. Affonda nel naufragio del secondo tempo.

Benatia voto 5.5: inizia con due o tre anticipi che dimostrano senso della posizione e concentrazione. Uno dei più in forma della difesa bianconera. Regala un pallone che è anche un gol subito. Anche lui sbanda nel secondo tempo.

Alex Sandro voto 4.5: la sua fascia è quella su cui il Barcellona spinge di piu. Douglas Costa non lo protegge tanto. Giornata in cui non difende e non spinge. Forse debilitato dalla influenza. Di sicuro uno dei peggiori.

Bentancurt voto 6: un debutto da far venire i brividi. Lui non sembra patire. Si propone. Si inserisce. Non ha paura con il pallone tra i piedi che riesce a far correre veloce. Cala nella ripresa.

Bernardeschi voto 5.5: subito pericoloso. Tenta il tiro. Grosse colpe non le ha anche se l’ultimo tiro sbagliato lascia una immagine impietosa.

Pjanic voto 6: gestisce il traffico e da ordine. Copre le zolle pericolose. Equilibratore della squadra. Poi nella ripresa cala il buio e le gambe diventano molli.

Matuidi voto 5.5: tanta legna. Copre per lui e per Douglas Costa. Alla fine anche tanta confusione.

Douglas Costa voto 4.5: il mister sostiene che la Champions dovrebbe essere più semplice per lui. Inizia con qualche strappo che mette in difficoltà il Barcellona. Comunque la sensazione principale che da è “ma che ci sta a fare?”. Un inutile gingillo.

Dybala voto 5.5: tocca di fino. Si muove. Non incide. Alla fine le occasioni più ghiotte sono sui suoi piedi ma la finalizzazione non è alla Dybala. Il confronto con Messi ci ricorda che la pastasciutta da mangiare è ancora tanta.

Higuain voto 5: nel momento in cui la Juve soffre lui si assume la responsabilità di difendere. Sparisce dal campo nel secondo tempo quando lo anticiperebbe anche la vecchietta sulla metro.

Allegri voto 5: corre dei rischi con la formazione iniziale. Il buon primo tempo sembra dargli ragione. Il secondo torto. Il risultato sembra fugare i dubbi.