Barzagli: «Con Bonucci c’è sempre un bel rapporto. Pogba? La Juve può tutto»

barzagli
© foto www.imagephotoagency.it

Il difensore della Juve, dal ritiro negli States ha commentato l’inizio della nuova stagione, l’arrivo di Ronaldo e il mercato

La Juventus è pronta a scendere in campo negli Stati Uniti, questa notte inizierà ufficialmente la tournèe americana con la prima partita contro il Bayern Monaco. Dall’America intanto, uno dei senatori, Andrea Barzagli, ha parlato ai microfoni di TuttoSport in merito all’acquisto di Ronaldo, alla tentazione Champions e della Juve che verrà. «Gli stimoli non mancano – dichiara il difensore bianconero – anche se la cosa più difficile, e importante, è automotivarsi ogni anno che passa. Soprattutto quando vinci. Vale per me, vale per tutta la Juventus. Non sono reattivo come 10 anni fa, però mi sento dire che ho un fisico migliore di quando ero più giovane. Mai pensato di lasciare, è la verità. Al di là del contratto, ho sempre detto che il mio primo pensiero è valutare una stagione intera. Mi sento bene». Il campione d’Italia ha inoltre espresso la sua personale opinione sull’arrivo di Cristiano Ronaldo e sulla possibile trattativa di mercato per il rientro a Torino dell’amico Bonucci: L’arrivo di Ronaldo? Devo dire che è un grandissimo valore aggiunto.  La sua mentalità è incredibile: più va avanti più fa sacrifici. Sono curioso. E’ stata un’operazione fantastica.

Il solo nome, di certo, non ti fa vincere la Champions, ma per come lo vedo io, per la mentalità che si è creata credo che abbia dato a tutto il popolo juventino, al club, ai giocatori uno stimolo per fare bene. Bonucci? Al di là del rapporto con Leo, credo che non sia giusto parlarne per quelli che siamo qui adesso. È una cosa che farà la società e penso sappia benissimo cosa farePogba alla Juve? Qui ogni giorno c’è una bomba di mercato diversa. Non ne ho idea, adesso la cosa affascinante e bella è che, dopo Ronaldo, è possibile accostare molti nomi alla Juventus. Concentrandomi sul prossimo campionato, a parole partiamo favoriti ma nei fatti è ben diverso. Bisognerà dimostrare sul campo di essere superiori, il Napoli ci ha dimostrato che rischiamo se non facciamo le cose per bene. Il fatto che le altre squadre si siano rinforzate mi fa piacere, vuol dire che il nostro campionato sale sempre più di livello».

Articolo precedente
È morto Sergio Marchionne, il ricordo di Elkann e Agnelli
Prossimo articolo
Federico BernardeschiBernardeschi, messaggio ad Allegri: «Mi farò sempre trovare pronto»