Bernardeschi fa chiarezza: «I tifosi della Juve sono tutti uguali, tutti importanti»

bernardeschi
© foto www.imagephotoagency.it

Federico Bernardeschi, esterno della Juve, ha voluto fare chiarezza dopo le intercettazioni degli ultras verso di lui emerse in questi giorni

Attraverso un post sul suo profilo Instagram, Federico Bernardeschi ha voluto fare chiarezza dopo alcune intercettazioni di un capo ultras nei suoi confronti emerse in questi giorni. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

«Leggo un’intercettazione nella quale un ultras mi accusa di aver lanciato la maglietta a un gruppo di tifosi diverso dal suo. Vorrei essere chiaro: quando ho la possibilità di ringraziare i miei tifosi regalando la maglia, non faccio distinzioni “politiche”, né calcoli su quale gruppo sia meglio scegliere. Per me non esistono tifosi più o meno degni di ricevere il mio affetto. Per me i tifosi della Juve, quelli che ci sostengono, ci criticano, cantano o fischiano, sono tutti uguali, tutti degni e importanti, perché ad unirli non è il nome del loro gruppo ultras, ma la passione immensa che ci unisce tutti quanti per i colori bianconeri. Il resto sono solo chiacchiere».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Leggo un’intercettazione nella quale un ultras mi accusa di aver lanciato la maglietta a un gruppo di tifosi diverso dal suo. Vorrei essere chiaro: quando ho la possibilità di ringraziare i miei tifosi regalando la maglia, non faccio distinzioni “politiche”, né calcoli su quale gruppo sia meglio scegliere. Per me non esistono tifosi più o meno degni di ricevere il mio affetto. Per me i tifosi della Juve, quelli che ci sostengono, ci criticano, cantano o fischiano, sono tutti uguali, tutti degni e importanti, perché ad unirli non è il nome del loro gruppo ultras, ma la passione immensa che ci unisce tutti quanti per i colori bianconeri. Il resto sono solo chiacchiere.

Un post condiviso da Federico Bernardeschi (@fbernardeschi) in data: