Bonucci si racconta: «Le critiche mi stimolano. Ci sono stati momenti difficili»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Leonardo Bonucci, difensore della Juve, si è raccontato in un’intervista a DMAX. Queste le sue confessioni

In un’intervista rilasciata a DMAX, Leonardo Bonucci ha raccontato alcuni capitoli importanti della sua vita. Le parole del difensore della Juve.

PERSONALITA’«Potremmo chiederlo a mia moglie e i miei figli, passo tanto tempo con loro…».

LIVELLO«Mi sono fatto un… ho fatto tanti sacrifici».

STIMOLI – «Quello che mi stimola sono le critiche, quelle costruttive. Mi aiutano a tirare fuori quel fuoco che c’è dentro ognuno di noi. Ho un tatuaggio che ho qui sul braccio sinistro in cui ho scritto per aspera ad astra, attraverso le difficoltà fino alle stelle».

ESEMPIO – «Mio nonno Gabriele, a 90 anni si sveglia tutte le mattine alle 5.30 per curare l’orto. In più, nel momento peggiore della sua vita, in cui ha rischiato di non camminare più, era lui che dava forza a mia nonna, ai miei genitori, a noi».

MOMENTI COMPLICATI «Ci sono stati, è normale, sono un essere umano. Non sono un robot, ma sono durati sempre pochissimo».

FORTI INSIEME – «Uno più uno non fa due, ma uno più uno fa uno più grande. Ecco cosa vuol dire più forti insieme».

CONSIGLIO«Divertitevi, è la cosa più importante. Non pensate al giudizio gli altri».

LEGGI ANCHE: Tamponi Juventus, esito negativo: concluso l’isolamento fiduciario

Condividi