Brighenti: «Se chiama la Juve, difficile dire no. È un ambiente da Serie A»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Andrea Brighenti, attaccante della Juventus Under 23, racconta la stagione in bianconero e il suo arrivo nel club di Zauli

Ai microfoni di Juventus TV, Andrea Brighenti ha raccontato il suo arrivo nell’Under 23 ma anche la stagione. Le sue parole.

STAGIONE «Tutto sommato è positiva. Abbiamo iniziato con le difficoltà causate dal virus, il mister ci è mancato per tante partite, e siamo arrivate alla fine lasciando qualche punto. C’è dispiacere. È un inizio positivo e dobbiamo proseguire con entusiasmo».

JUVENTUS UNDER 23«L’ambiente è super, da Serie A, come è normale che sia. Forse anche più di quello che mi aspettavo. Una grande professionalità. Vengo da esperienze in società importanti ma non c’era questa attenzione e tutte queste cose a disposizione che ti aiutano a dare qualcosa in più».

CARRARESE«Mi aspetto una partita tosta contro una squadra esperta. È un altro banco di prova per noi che siamo una squadra giovane. Abbiamo dimostrato di poter essere superiori a tutti e non penso di esagerare. Con la nostra mentalità e il nostro entusiasmo andiamo a Carrara cercando di fare punti».

MIGLIORAMENTI «Ci saranno sempre aspetti da migliorare in una squadra di ragazzi. Nelle ultime tre partite è emerso che perdiamo punti di troppo».

FIGURA DI ESPERIENZA «Penso che l’esperienza che portiamo noi over può essere utile ai giovani per la conoscenza della categoria ma anche per vivere il quotidiano e nel modo di approcciarsi alle partite. Penso che sia una cosa utile per i ragazzi».

ANNO 2021«Chiedo che questa situazione del Covid si risolva. A livello di squadra penso che dobbiamo crescere. La nostra deve essere una crescita costante, mi aspetto di far meglio a livello di squadra e personale».

COVID«Sono state settimane pesanti, mi piace stare in campo ed allenarmi, vivere a pieno la settimana. Sono stati quasi due mesi brutti, eravamo tanti chiusi in albergo, è stato mentalmente pesante. Adesso stiamo recuperando tutti, nel girone di ritorno dobbiamo essere tutti presenti».

ZAULI «Il mister mi piace molto, è molto bravo a trasmettere le sue idee e il suo entusiasmo e la voglia di vincere. Per noi è una guida importante».

JUVE«Quando chiama una società come la Juve è difficile dire di no. Mi stupiscono le strutture, l’attenzione che c’è sotto ogni aspetto. Mai visto campi del genere, si può lavorare al meglio».

LEGGI ANCHE: Rassegna stampa Juve: le prime pagine di oggi

Condividi