Buffon: «A Napoli brutta sconfitta, il campionato è combattuto»

buffon
© foto www.imagephotoagency.it

Gigi Buffon si racconta nel giorno del suo 42esimo compleanno: il portiere della Juve parla del momento della squadra e del futuro

Nel giorno del suo 42esimo compleanno, Gigi Buffon si racconta ai microfoni di Sky Sport. Il portiere bianconero affronta vari temi, come la sconfitta con il Napoli e il futuro.

COMPLEANNO«Dopo una certa età fare gli anni non è una grande festa, però è un qualcosa di inevitabile e va accettato sempre con il sorriso e la soddisfazione a 42 anni di essere un giocatore e avere un buon rendimento e essere una persona felice».

KOBE BRYANT «È un qualcosa di inverosimile perché quando queste disgrazie, queste tragedie toccano delle personalità così importanti nel pieno della loro vita, è un qualcosa che ti fa sentire molto più vulnerabile. Sembra che la vita e lo star bene a determinate persone sia quasi dovuta, non immagini mai che un mostro sacro e uno sportivo ineguagliabile come Kobe potesse avere un epilogo simile».

NAPOLI«È stata una sconfitta brutta, brutta nel modo e perché potevamo e dovevamo fare qualcosina di meglio. Però sono quei passaggi delicati e negativi che secondo me in una stagione servono per ritrovare una certa fame, per non dare nulla di scontato, perché inconsciamente, affronti la gara con un Napoli in grande difficoltà e anche se l’occasione dovrebbe farti alzare le antenne, hai sempre la certezza di essere in testa e comandare. Essendo uno sportivo di lunga data credo che se fosse stata una partita determinante per la Juve per uscire dalla gara scudetto, sono sicuro che avrebbe vinto. Questa opportunità, che a volte sembra anche dovuta perché siamo forti e lo abbiamo dimostrato, fa sì che in certi momenti non ci sia quella ferocia che invece va messa»

SCUDETTO«Campionato combattuto fino alla fine. La Lazio sta facendo qualcosa di eccezionale, il fatto che non abbia partite infrasettimanali inciderà tanto da qui alla fine. L’Inter, anche se non mi sorprende perché conosco il loro allenatore, fino alla fine sarà lì e di questo ne sono certo. Il destino è nelle mani nostre, quando sei più forte sai che il destino dipende da te e noi abbiamo questa consapevolezza. Su questa certezza però non ci dobbiamo abbandonare».

FUTURO«Guardo come arrivo a marzo-aprile, se non ci sarà un crollo verticale, io sono pronto a aperto a tutte le idee. Quella più importante è rimanere coerente con quello che sto facendo e come mi fa sentire. Se quello che sto facendo è ancora di livello alto, come lo reputo ancora adesso. Il ruolo che ho nella squadra e il rapporto che ho con tutti è gratificante. Con Tek, Filippi e Pinsoglio abbiamo creato un gruppo portiere molto solido e unito e quindi aspettiamo e vediamo. Se non c’è il crollo che tutti ormai sperano ci sia da 10 anni, magari avremo avanti»