Champions League 2018: diritti tv a Sky e Rai

serie A
© foto www.imagephotoagency.it

Diritti tv per la Champions 2018: cambia tutto, ci saranno quattro squadre italiane in due fasce orarie e si va verso un accordo Rai-Sky per la trasmissione delle partite in chiaro

L’esclusiva Mediaset per la Champions League scadrà a partire dalla prossima stagione. L’annata 2017-18 sarà quindi l’ultima del triennio ad essere trasmessa in esclusiva dal gruppo di Fininvest. L’investimento non avrebbe oltretutto portato i frutti sperati e quindi la stessa Mediaset sarebbe intenzionata a defilarsi, secondo quanto riportato da La Repubblica. C’è da dire che la Champions 2018-19 avrà comunque una novità, che poi novità non è: il ritorno di quattro squadre italiane nella massima competizione europea. Giocheranno a due a due in due giorni diversi (il martedì o il mercoledì) durante la prima fase a gironi. Ma anche per quanto riguarda i diritti televisivi si va verso un ritorno al passato.

ACCORDO SKY-RAI – Il servizio pubblico tornerebbe ad acquisire i diritti tv Champions per il pacchetto triennale 2018-2021. Il tutto grazie all’accordo con Sky, che recupererebbe la possibilità di trasmettere tutte le partite della massima competizione europea. In pratica la piattaforma satellitare comprerebbe dall’Uefa i diritti per le tre stagioni per poi appoggiarsi alla Rai, “cedendo” alcune partite alla trasmissione in chiaro, secondo quanto stabilito dalla normativa vigente. In onda sulla Rai sarebbe garantita la partita del mercoledì sera, la Supercoppa europea e i match più importanti della fase finale.

Articolo precedente
baleBale teme per la finale: «Non sono al cento per cento»
Prossimo articolo
real madridJuventus-Real, le quattro maledizioni che spaventano gli spagnoli