Chiusura Curva Sud, il Movimento Consumatori: «Juve pensi ai rimborsi»

tifosi juve
© foto www.imagephotoagency.it

Il Movimento Consumatori, in seguito alla chiusura della Curva Sud per due turni, prende le difese della parte lesa ma sana della tifoseria bianconera

«E’ la stessa Juventus che nel presentare il ricorso ha dichiarato che non devono subire una punizione i tifosi innocenti, ma dovranno essere puniti i singoli autori di comportamenti sbagliati. Se la Juventus non rimborserà la parte sana della tifoseria, per chi non ha colpe la punizione sarà doppia. E gli unici vincitori saranno proprio coloro che hanno lanciato i cori razzisti». Sono queste le parole con cui Alessandro Mostaccio, segretario generale del Movimento Consumatori, invita la Juventus a tutelare la parte sana della tifoseria dopo la chiusura per due turni della Curva Sud. Proprio ieri, infatti, il ricorso presentato dal club bianconero in seguito ai cori discriminatori di Juve-Napoli, è stato respinto dalla Corte d’Appello, che ha anzi aggravato la sanzione.

Articolo precedente
Caso CR7, ecco come vanno smontate le accuse
Prossimo articolo
Borriello: «Alla Juve c’è poca passione: è come entrare in fabbrica»