Coccolo: «Juventus Under 23 occasione da non perdere»

© foto www.imagephotoagency.it

Luca Coccolo parla dell’esperienza con la Juventus Under 23 dopo il percorso nel settore giovanile bianconero

Luca Coccolo, difensore della Juventus Under 23 classe 1998, si confessa ai microfoni di Juventus Tv sul suo passato, presente e futuro bianconero.

OCCASIONE JUVENTUS UNDER 23 – «Me l’ha comunicato quest’estate Claudio Chiellini, ho subito pensato che fosse una grande esperienza perché in Juve hai strutture e staff importanti quindi era un’occasione da non perdere».

COMPAGNI DA TEMPO – «Un bell’effetto ritrovare diversi compagni con cui ho condiviso anni del settore giovanile. Insieme abbiamo condiviso stagioni importanti, siamo riusciti anche a vincere un Viareggio».

SETTORE GIOVANILE – «Ho avuto la fortuna di farlo sin dai pulcini e arrivare fino alla Primavera. Sicuramente sono cresciuto tantissimo e rispetto ad altre squadre hai l’opportunità di fare esperienze magnifiche».

IL GRUPPO – «Tanti li conoscevo già, sono arrivati nuovi ragazzi ma penso che sia un gruppo unito. Mi piace».

ESPERIENZA FUORI DALLA JUVE – «L’impatto fuori dal mondo Juve non è stato semplice perché giochi in squadre dove ci sono tanti giocatori più grandi. nonostante le difficoltà sono tutte sicuramente esperienze formative».

DIFFERENZA FRA U23 E SETTORE GIOVANILE – «La Serie C è un campionato più tosto e più fisico e lo noti giocando una partita qualsiasi».

UTILITÀ PROGETTO PER I GIOVANI – «Progetto importante per i ragazzi giovani perché si gioca con maggiore continuità e quindi migliori più in fretta».

RUOLO – «Io preferisco difensore centrale per le mie caratteristiche, però ho anche fatto il terzino in caso di necessità».

RAPPORTO CON L’ALLENATORE – «Abbiamo tutti un bel rapporto con lui. Ciò su cui si impunta di più è avere un atteggiamento propositivo e coraggioso perché poi con questi presupposti arriva tutto il resto».

TEMPO LIBERO – «Il tempo che ho a disposizione lo passo solitamente con i miei amici e con la mia fidanzata».

VICINANZA CON LA PRIMA SQUADRA – «È una cosa fantastica perché giochi vicino a calciatori che sono al livello top e così capisci cosa manco per arrivare a quel livello».

MIGLIORAMENTI – «Sicuramente siamo cresciuti e lo si è visto. Quello di Serie C è un campionato difficile e lungo ma comunque siamo migliorati col tempo».

PISA – «Partita bella in uno stadio che ospiterà tanta gente. Il Pisa è una squadra forte ma l’obiettivo è quello di riscattare la brutta sconfitta con la Pistoiese portando a casa un risultato positivo».

SOGNO – «Il mio sogno è provare ad arrivare a giocare nella prima squadra della Juve».