Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Allegri post Juve Roma: le parole dell’allenatore

Pubblicato

su

Conferenza stampa Allegri post Juve Roma: le parole del tecnico dopo la sfida valida per l’8ª giornata di Serie A

(inviato all’Allianz Stadium) – Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa dopo il match tra Juve e Roma. Di seguito riportate le sue dichiarazioni. LA CRONACA DEL MATCH


CRESCITA – «È un altro passo avanti perché abbiamo fatto un altro passo avanti in classifica. Stasera è stata una partita importante: se non riuscivi a vincerla ti allontanavi. La Roma ha tecnica, forza, non meritava di perdere contro una Juve che comunque ha fatto una bella partita. Quando arriviamo vicino all’area, però, dobbiamo fare scelte migliori. All’inizio abbiamo cercato di aggredirli alti, siamo andati un po’ in difficoltà con loro. Queste sono partite equilibrate, dove l’episodio determina e decide».

GESTIRE IL RISULTATO – «Dopo 3/4/5 passaggi cercavamo la giocata risolutiva e in qualche occasione abbiamo preso contropiede. Nel secondo tempo abbiamo gestito di più la palla, difendendo bene con ottimi interventi. Siamo stati una squadra che voleva portare a casa il risultato».

SISTEMARE LA CLASSIFICA PRIMA DEL PREVISTO – «No. Ora dobbiamo sistemare la Champions, poi vi dirò alla prossima sosta. Domenica avremo una bella partita contro l’Inter, ma stasera era importante vincere».

KEAN, BERNARDESCHI, DE SCIGLIO – «Un giocatore o è bravo o è scarso. Le qualità di Kean, De Sciglio e Bernardeschi le conosco io così come tutti. Ci sono annate in cui si fa bene e altre in cui si fa meglio, ma non vanno a intaccare le loro qualità. Szczesny non è che per alcuni errori era diventato un portiere scarso, doveva stare sereno».

ARTHUR – «Sta al 100% di questo momento, che non è ancora il 100%. Ha gestito palla con Bentancur e Locatelli».

ROMA PIU’ SVILUPPO SUGLI ESTERNI  «Ci sta lo sviluppo della Roma, ma i cross non sono mai stati pericolosi. Abbiamo difeso in modo ordinato».

CHIESA – «Non tutte le partite può avere un rendimento alto. In qualche momento può fare prestazioni non all’altezza, ma si è messo a disposizione della squadra. Avevo bisogno di gamba fresca, quindi ho preferito toglierlo».

DE LIGT – «Domani mattina farà ulteriori esami ma ha colpito anche me. Stavamo facendo riscaldamento e l’ho visto fermo e gli ho detto ‘Che fai?’. Sono rimasto sorpreso anche io, ma ci sta, non è successo assolutamente niente».

ZENIT – «L’unico da vedere è Chiellini, che ha fatto una partita intensa. Alex Sandro ha riposato e sarà a disposizione, Cuadrado e Danilo han fatto una grande partita. Martedì vedremo. C’è McKennie che non ha giocato, Arthur aumenterà il minutaggio. Rugani è a disposizione».

RIGORE – «Non ho visto nulla e non ho parlato con nessuno. Credo ci fosse un fallo di Mkhitaryan dopo il contatto, per quello non sarebbe stato gol».