Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Allegri post Juve Verona: le dichiarazioni

Pubblicato

su

Conferenza stampa Allegri post Juve Verona: le dichiarazioni del tecnico bianconero dopo la partita dell’Allianz Stadium

(inviato all’Allianz Stadium) – Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa dopo Juve Verona.

MORATA MIGLIORE IN CAMPO – «L’ho avuto diversi anni, è sempre stata criticato. E’ un giocatore serio, sa quello che deve fare. E’ stato bravo lui come tutta la squadra. Bisogna stare con i piedi per terra ora: abbiamo vinto una partita contro una squadra che corre. La qualità tecnica è venuta fuori, avendo occasioni per fare più gol. I ragazzi si sono ben comportati, con spirito giusto».

DISPONIBILITA’ MORATA E DYBALA – «Hanno fatto una partita importante, si sono messi a disposizione. Quando c’era da aiutare la squadra lo hanno fatto, è normale che sia così».

SCUDETTO – «Le 3 davanti sono difficili da raggiungere. Noi dobbiamo fare la corsa sull’Atalanta».

ZAKARIA – «E’ abituato a giocare a due. Ha questa giocata di piatto, molto forte, veloce nella consegna della palla. E’ un giocatore intelligente, catapultato in una partita così importante. Sono contento».

COME STANNO CHIELLINI E ZAKARIA – «Zakaria ha preso un colpo dietro, sul lombare. Giorgio è affaticato sul solito polpaccio ma ha fatto una partita importante».

VLAHOVIC RIFERIMENTO OFFENSIVO – «Gli piace la lotta, ha qualità tecniche».

DYBALA – «Quando arriva la palla rende sempre bene. Si è sacrificato, sta trovando la posizione ottimale. L’ho detto e lo ripeto: nella seconda parte di stagione sarà un valore aggiunto».

CORAGGIOSO COL TRIDENTE – «E’ una questione di disponibilità dei giocatori. Ci vuole comunque equilibrio. Arthur ha fatto una bellissima partita davanti alla difesa, può crescere ancora tanto. I tre davanti hanno qualità tecnica, ma stasera non era assolutamente facile».

CAMBIO DYBALA – «Non era programmato. Ha giocato 70′: in quel momento c’era bisogno di gente fresca. Paulo ritornava dalla Nazionale, aveva fatto 70′ di intensità e ho preferito toglierlo».

BONUCCI COL SASSUOLO – «Sta meglio, oggi è venuto in panchina. Giovedì potrebbe essere della partita».

COM’E’ CAMBIATA LA JUVE RISPETTO ALL’ANDATA – «Le situazioni non sono tutte uguali. Andammo a Verona dopo aver perso col Sassuolo: si presero due schiaffi, avendo l’occasione per andare in vantaggio e sbagliando tanti gol. Eravamo lenti e avevamo perso tanti duelli. Ora siamo cresciuti e piano piano dobbiamo migliorare sul piano del gioco e della compattezza senza farsi prendere troppo dall’euforia».

UOMINI GIUSTI PER IL SUO GIOCO – «Non è variare in base alle squadre che si incontrano, ma è in base alle condizioni dei giocatori. Stasera c’era bisogno di questi 3 davanti. Magari tra un mese cambieranno le cose, ma non vuol dire che avrò bocciato qualcuno».

MORATA – «Ha fatto 6 mesi da punta centrale spalle alla porta che non è il suo ruolo. Ha bisogno di un altro attaccante: ha grande tecnica e non deve dare punti di riferimento».

DE SCIGLIO – «Rinnovo? Ci pensa la società. Son 10 anni che è con me, ora lo vedo più sereno. Ha qualità tecniche importanti e lo sto vedendo bene».