Conferenza stampa Gattuso: «Dobbiamo fare una grande partita»

Iscriviti
napoli gattuso
© foto www.imagephotoagency.it

Conferenza stampa Gattuso: «Dobbiamo fare una grande partita». Le parole del tecnico del Napoli in vista della gara contro i bianconeri

Rino Gattuso, allenatore del Napoli, ha parlato durante la consueta conferenza stampa di rito prima della partita contro la Juve, in programma domenica sera al San Paolo.

LA PARTITA – «Rappresenta tanto. Affrontiamo una squadra che crea tanto, composta da grandissimi campioni. Palleggiano molto bene, si vede la mano dell’allenatore. La coperta è corta, occorre prepararla bene e capire bene cosa possiamo lasciargli, perché loro hanno tanta qualità. Abbiamo il dovere di provare a fare una grande partita per andare alla ricerca dell’entusiasmo. Per noi il San Paolo è una componente fondamentale in questo momento»

LE ASSENZE – «Non dico chi gioca, posso dire che dovrebbe essere a disposizione per la panchina Maksimovic. Per quanto riguarda Koulibaly, speriamo di averlo a disposizione la settimana prossima. Mertens sta un pò meglio. Allan ha fatto una risonanza venerdì mattina, aveva un pò di edema. Doveva stare fermo e visto che è nato suo figlio ho deciso di mandarlo a casa, credo fosse giusto così vista l’importanza dell’evento. Abbiamo preso giocatori motivati, come Demme che era capitano del Lipsia. Ora è tempo di fare delle scelte, lavorare con grande professionalità. Non voglio parlare di chi vuole restare e chi vuole andare via: qui bisogna fare i punti per riuscire a far diventare questa stagione una stagione normale»

SARRI – «È uno degli allenatori più bravi al mondo, lo era già qualche anno fa. Lo stimo tanto e ha costruito una macchina perfetta. Da lui ho fatto qualche copia e incolla, mi piace il suo modo di vedere il calcio»

COME FERMARE LA JUVE«Sono due squadre diverse, la Lazio ha tecnica e qualità fisiche importanti. Attaccano sempre in 5 sulla linea dei nostri difensori. La Juve ha tantissima qualità, sarà una partita diversa. Dovremo coprire più linee di passaggio, capire chi far impostare e chi può metterci in difficoltà»

COME AFFRONTARE LA JUVE – «Se sbagli la prima pressione ti fanno male. Occorre fare una partita da squadra, cercando di non far giocare alcuni dei giocatori che loro hanno e che sono in grado di trovare la giusta imbucata»

CAPACITA’ DI SOFFRIRE «Dobbiamo pensare a giocare. Ci sono due partite: la fase di possesso e quella di non possesso. Se pensiamo di fare un pressing ultra offensivo regalando tre o quattro giocatori si soffre, il problema è stato anche questo. Bisogna capire in che direzione vogliamo andare. La cosa più importante è che dobbiamo giocare in due modi differenti quando abbiamo la palla e quando difendiamo».

Condividi