Crippa racconta Buffon: «A 17 anni era già il più sveglio di tutti»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Massimo Crippa ha parlato dell’esordio in Serie A di Gianluigi Buffon quando era ancora diciassettenne. Le sue prime impressioni

Massimo Crippa ha parlato ai microfoni di TMW dell’esordio in Serie A di Gianluigi Buffon con la maglia del Parma quando era ancora diciassettenne. Le sue parole sul portiere bianconero.

ESORDIO – «Ho visto i primi passi di un portiere che sarebbe diventato il più forte al mondo. I rossoneri giocarono una gran gara ma Gigi fece subito vedere tutte le sue grandi qualità. Tra l’altro fino al giorno prima noi eravamo convinti che avrebbe giocato Nista e poi invece ci ritrovammo in campo Buffon. Era un ragazzo sveglio e fu capace di fare cose che altri a quell’età (era diciassettenne, ndr) non si sarebbero neanche immaginati. La sua straordinaria carriera poi ha dimostrato chi fosse».

PARTITA – «Era tranquillo, certo con quel pizzico di pazzia insita nel ruolo del portiere. Buffon non soffrì nessuna tensione, rimase sempre tranquillo, come se dovesse andare a giocare una partita della Primavera».

RITIRO – «Deciderà lui, è chiaro che sta arrivando quasi agli sgoccioli vista l’età. Però ha una gran forza mentale e finchè sta bene andrà avanti».

RUOLO FUTURO – «Lo vedo alla Juventus, è una bandiera, una figura importante in qualsiasi situazione».

LEGGI ANCHE: Notizie Serie A: Torino, tutti negativi i tamponi della squadra

Condividi