Cuadrado il titolarissimo, smentite così le insinuazioni estive

cuadrado
© foto www.imagephotoagency.it

Tre partite su tre da titolare, nonostante i dubbi estivi e gli acquisti sulla trequarti di Douglas Costa e Bernardeschi

Beppe Marotta e Fabio Paratici sul mercato hanno abbondato con gli acquisti sugli esterni, andando a prendere Douglas Costa e Bernardeschi per il 4-2-3-1 allestito in primavera da Allegri. Juan Cuadrado era diventato di conseguenza l’indiziato a lasciare Torino, ma il colombiano in questa prima parte di stagione ha messo a sedere gli oltre 80 milioni spesi in estate. Il tecnico bianconero ha infatti scelto sempre l’usato sicuro, confermando Cuadrado anche dopo la serataccia in Supercoppa contro la Lazio. E lui ha risposto rivelandosi decisivo a Genova come lo fu nella scorsa stagione.

Cuadrado non segna tanto, ma quando lo fa sceglie sempre appuntamenti importanti. Cinque centri il primo anno, tre il secondo, uno in questo avvio di campionato. Quando Cuadrado fa gol, la Juventus sa già come finirà: otto vittorie su nove, l’unica volta che l’esultanza è svanita prima del gong è stata in Champions League, ritorno degli ottavi di finale contro il Bayern Monaco di due anni fa. Ecco perché la Juventus lo ha riscattato dal Chelsea per 20 milioni in maggio. Ed ecco perché, nonostante l’aumentata concorrenza, il colombiano è rimasto alla Juventus. Per rivelarsi ancora decisivo.

Condividi