Connettiti con noi

Social

Dani Alves dice addio e avverte Marotta… – FOTO

Pubblicato

su

Attraverso il suo profilo Instagram, il terzino brasiliano ha ringraziato la dirigenza juventina, i tifosi e soprattutto ha detto addio ai colori bianconeri

Quello tra Dani Alves e la Juventus sembrava potesse diventare un amore di lunga durata. Dopo una fase iniziale di ambientamento, infatti, il terzino brasiliano è entrato nel cuore dei tifosi bianconeri a suon di prestazione da campione e di dichiarazioni quasi fraterne nei confronti della Juventus. Gli strascichi della finale persa a Cardiff, tuttavia, non si sono mai sopiti e quel maledetto 3 giugno ha raffreddato i rapporti tra l’ex terzino del Barcellona e tutto il mondo Juve, tant’è che la società di Corso Galileo Ferraris ha optato per la rescissione contrattuale.

IL SALUTO E I RINGRAZIAMENTI – Dopo gli screzi delle scorse settimane, Dani Alves ha voluto placare gli animi con uno dei suoi post su Instagram, che però questa volta non lascia spazio a polemiche ma anzi congela un rapporto umano con la dirigenza, i propri compagni di squadra ed i tifosi juventini nella giusta misura. Il terzino, che negli ultimi giorni è stato avvicinato al Manchester City, si è espresso così: «Mi piacerebbe ringraziare tutti i tifosi della Juventus per l’anno vissuto, i miei compagni per avermi accolto e per essere dei veri professionisti. Grazie a loro questo club vince e arriva alle finali. Credo che il mio rispetto verso questo club e la sua tifoseria è consistito nella mia dedizione, nel mio impegno e nella mia passione».

LE SCUSE – Dani Alves, inoltre, ha approfittato del post per chiedere scusa ai tifosi juventini che hanno ritenuto offensivo il fatto di aver postato sul suo profilo una foto ritraente gli scarpini della finale di Champions vinta nel 2015 con il Barcellona proprio contro la Juve: «Chiedo scusa ai tifosi bianconeri se hanno pensato che io abbia fatto qualcosa per offenderli, mai ho avuto questa intenzione: ho un modo spontaneo di vivere le cose sicché pochi lo capiscono… Anche se non sono perfetto, il mio cuore è puro». 

MAROTTA – Oltre ai tifosi e ai compagni, l’unica persona che merita un ringraziamento specifico è Giuseppe Marotta, anche se il brasiliano non risparmia nemmeno qualche punzecchiatura: «Oggi finisce il nostro rapporto professionale e porterò con me tutti quelli che rendono davvero e di cuore la Juventus un grande club. Come sapete ho il difetto di dire sempre quello che penso e che sento… Io sento che devo dire grazie al signor Marotta per l’opportunità che ho avuto di averlo come dirigente, un grande professionista che ama la sua professione. Farò in modo che tu possa godere del mio lavoro per fare molti anni di vacanza. Io non gioco a calcio per denaro, gioco a calcio perché amo questa professione e rispetto chi la pratica. Amo il calcio e mai il denaro mi tratterrà in qualche posto. Grazie mille!»

Redattore e studente universitario con due peculiarità: la passione per il calcio e l'amore per la Juventus, sbocciato dal giorno in cui sono nato.

Continua a leggere
Advertisement