Dario Lignana: «Viareggio spettacolare, Juventus sfortunata»

Dario Lignana
© foto Dario Lignana

L’opinionista fisso della trasmissione Forza Juve su Rete 7 si concede venerdì sera in esclusiva assoluta, spaziando a tutto campo su Viareggio Cup, eliminazione della Juve dal torneo e andamento delle giovanili bianconere

Dario, se ti chiedessi di stilare un bilancio dell’edizione corrente della Viareggio Cup sin qui?

«Un Viareggio davvero spettacolare , che sta regalando colpi di scena inaspettati. Juventus e Milan, due delle candidate alla vittoria finale di questo prestigioso torneo, eliminate agli ottavi di finale e squadre come il Napoli che invece stanno sorprendendo davvero tutti. Da evidenziare la presenza delle tante squadre italiane ancora rimaste e dei belgi del Club Bruges (che è stato l’artefice dell’eliminazione dei bianconeri di Fabio Grosso)».

Qual è stata dal tuo punto di vista la causa dell’eliminazione della Juventus campione in carica?

«Sfortuna, qualche disattenzione difensiva e le assenze di alcuni nazionali, possono essere le chiavi di lettura di questa sconfitta. Sicuramente il gol allo scadere ha influito anche molto sul morale dei giocatori bianconeri, che si sono fatti superare solo ai calci di rigore. Con la rosa al completo si sarebbe vista, a mio avviso, un’altra partita. Ora però Muratore e compagni devono tornare a pensare al campionato, dove c’è da blindare il primo posto».

Con i bianconeri fuori dai giochi quali sono adesso le grandi favorite?

«Arrivati ai quarti le favorite rimangono principalmente due: Empoli e Sassuolo. La sorpresa potrebbe essere il Napoli, che sta disputando davvero un ottimo torneo. La parola finale spetta però al campo».

Come giudichi sin qui il cammino in campionato di Under 15, 16 e 17 bianconeri?

«Per quanto concerne le altre tre categorie del settore giovanile (U15, U16, U17), si può dire che il discorso campionato è ancora aperto, poiché i punti che le separano dalle squadre di vetta non sono poi così tanti. Oltre che hai risultati, che certamente permettono ai ragazzi di maturare e responsabilizzarsi; in casa Juventus è molto importante , forse più del risultato sul campo, inglobare il maggior numero di conoscenze calcistiche di natura tecnico-tattica, ma anche e soprattutto a livello umano. Il discorso campionato rimane ancora aperto per tutte e tre le categorie. Spiccano sicuramente gli U16 di mister Sacchini, dai quali sta sbocciando un talento di cui sentiremo presto parlare: Elia Petrelli, classe 2001 (che tra le altre cose , si allena sovente con la prima squadra oltre che con l’Under 17). Un altro talento dunque pronto a sbocciare a Vinovo».

Articolo precedente
juveJuve? È la miglior difesa d’Europa
Prossimo articolo
Dani AlvesJuventus-Dani Alves: sarà già divorzio a fine stagione?