Diaconale: «Taglio stipendi come Juve e Roma? Non esiste quello che è stato detto»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Arturo Diaconale, responsabile della comunicazione della Lazio, ha rilasciato un’intervista parlando anche del taglio degli stipendi

Ai microfoni di Lazio Style Radio, Arturo Diaconale ha rilasciato un’intervista, parlando della ripresa della Serie A e della questione taglio stipendi. Di seguito riportate le parole del responsabile della comunicazione della Lazio.

RIPRESA – «A provocare l’unanimità c’è la determinazione di Lotito, per evitare di arrecare problemi a un settore fondamentale per il Paese e che non può essere paralizzato. Mi auguro che all’incontro con il Governo si possa arrivare a riprendere allenamenti e campionato. I tifosi sanno che abbiamo esitato a rispondere colpo su colpo a chi ci dava tesi contrarie. Se si riprenderà continueremo il percorso in campionato e so che i tifosi saranno con noi».

TAGLIO STIPENDI – «La chiarezza è semplice: la notizia è senza fondamento. Io l’ho smentita e mi era stato assicurato che sarebbe stato fatto un comunicato di correzione di quella notizia. Nel frattempo approfitto di questa circostanza nel ribadire che sia una notiza fasulla questa sul taglio delle mensilità ai dipendenti. Il presidente Lotito mi ha detto di minacciare il ricorso a vie legali verso chi ha riportato una news del genere. Non esiste quello che è stato detto, è infondato e molti l’hanno concepito per dire che ora anche la Lazio bloccherà gli stipendi come Juventus e Roma. Tutti gli impegni verranno onorati nelle date previste dal presidente Lotito. Noi andiamo avanti per la nostra strada sperando di riprendere al più presto il nostro percorso».

Condividi