É una Juve da 72 milioni di euro di utili

marotta agnelli paratici
© foto www.imagephotoagency.it

Approvata la relazione finanziaria semestrale dal Cda della Juventus: ricavi aumentati del 54%

Plusvalenze e ricavi. I dati che emergono dalla relazione semestrale approvata ieri dal Consiglio di Amministrazione presieduto da Andrea Agnelli fanno ben sperare. É una Juventus che nel primo semestre del 2016/17 ha visto crescere i ricavi complessivamente di 110, 4 milioni di euro rispetto all’analogo periodo del 2015/16. L’utile di bilancio è di 72 milioni di euro, con un variazione di quasi 42 milioni in più in confronto al primo semestre dello scorso anno. Ma cos’è ciò dietro a tutti questi aumenti? Naturalmente influiscono tantissimo le plusvalenze nette sul cartellino dei giocatori (su tutte quella di Paul Pogba). In tutto i «proventi relativi alla gestione dei calciatori» è pari a 86,4 milioni di euro. Aumentano anche però i costi per la gestione dei diritti dei giocatori. Nell’evoluzione del bilancio per il 2016/17 è previsto comunque un incremento significativo dei costi del personale tesserato e degli «ammortamenti relativi dalle acquisizioni effettuate nel corso della campagna trasferimenti 2016/2017». In questo senso incideranno specialmente i 90 milioni spesi per Higuain in estate, ma in ogni caso, si legge anche nella relazione, «l’andamento dei risultati sportivi e l’incremento di altri ricavi operativi consentono di prevedere che anche l’esercizio 2016/2017 evidenzierà un risultato economico positivo». Per una Juve che come fatturato non ha rivali in Italia e punta ormai ai grandi top team europei.

 

 

Articolo precedente
khediraJuve, la lista dei 22 convocati per l’Empoli
Prossimo articolo
Rassegna Bianconera del 25 febbraio 2017