Emre Can, il retroscena: «Bayern e City? No grazie»

© foto www.imagephotoagency.it

Emre Can sposa la Juve, l’accordo per giugno c’è: per la Vecchia Signora rifiutate le proposte di Bayern e City

Emre Can e la Juve si sono detti sì. La chiusura totale arriverà solo a partire dalla prossima stagione, quando il centrocampista classe ’94 dei reds sarà definitivamente svincolato dal contratto che lo lega al Liverpool. Intanto emergono nuovi retroscena della lunga trattativa Emre Can-Juve che si snoda ormai da quest’estate.

Il talentuoso nazionale tedesco ingolosito dalle avances di mezza Europa ha rifiutato in maniera netta qualsiasi proposta di rinnovo di contratto col Liverpool. Klopp ci ha provato in ogni modo, ma anche lui alla fine ha dovuto arrendersi. Nessuna fumata bianca però nella sessione passata da un lato perchè il Liverpool non aveva bisogno di monetizzare e nutriva ancora la speranza di convincere il giocatore e dall’altra Emre Can (e soprattutto il suo entourage) non hanno trovato un accordo economico soddisfacente.

La Juve in quel periodo era in dubbio proprio fra il tedesco, N’Zonzi e Matuidi. Alla fine, grazie ai buoni rapporti con Raiola, è riuscita a strappare il francese e mai scelta fu più azzeccata. E’ il caso di dirlo. Ma in un top club non ci si accontenta mai. Ecco perchè i dialoghi con Can non sono mai terminati. Il tedesco gradisce la destinazione Juve e la sua volontà è sempre stata decisiva.

Tant’è che l’inserimento di altre due big del calcio mondiale, il Bayern prima e il Manchester City di Guardiola poi (si parla anche di telefonate dirette del Pep al giocatore) non hanno fatto cambiare idea. 5 anni di contratto a cinque milioni l’anno. All’insegna del cinque si è trovato l’accordo. Tutto (ufficialità compresa) è però rimandato a giungo. Resta solo, salvo clamorosi colpi di scena, da attendere.