Ferencvaros-Juve, quando quel ko valse un trofeo internazionale – VIDEO

Iscriviti

La sfida tra gli ungheresi del Ferencvaros e la Juventus sarà un remake della finale di Coppa Delle Fiere 1964-65

Era la Juve Operaia di Heriberto Herrera. L’unica squadra capace, quella stagione (1964-65), di negare un trofeo alla grande Inter dell’altro Herrera, Il Mago, sconfiggendola in finale di Coppa Italia. 2 mesi prima i bianconeri, però, ebbero la possibilità di conquistare il primo titolo europeo della loro storia.

Era la finale di Coppa delle Fiere e la Vecchia Signora, dopo aver eliminato l’Atletico Madrid, avrebbe affrontato proprio il Ferencvaros. In vista del match, La Juventus doveva fare i conti con le indisponibilità delle sue stelle più luminose, Omar Sivori e capitan Sandro Salvadore, ed un avversario in migliore stato di forma, ma il fattore campo sarebbe stato tutto a favore dei piemontesi.

LA GARA – In uno Stadio Comunale di Torino stracolmo e già allestito a festa va in scena un primo tempo frizzante, dove, però, sono gli ungheresi a creare le occasioni più pericolose verso la porta difesa da Anzolin. Nella seconda metà di gara i bianconeri si svegliano e fanno tremare la difesa magiara, ma non riescono tuttavia a portarsi in vantaggio. I tentativi di Combin prima, e Leoncin e Stacchini poi, si infrangono sui guantoni di Geczi. L’assedio italiano si spegne troppo in fretta e sono le Aquile Verdi a riprendere il pallino di gioco in mano, trovando al 74′ l’incornata vincente di Fenyvesi. La rete che sblocca il match si rivelerà anche quella decisiva. Il risultato, infatti, non cambia più ed il Ferencvaros diventa la prima squadra dell’Est a vincere un trofeo continentale.

Il doppio confronto tra gli uomini di Andrea Pirlo e la formazione ungherese all’interno del gruppo G di Champions League non sarà, dunque, una novità assoluta. La Juve avrà, anzi, la possibilità di prendersi una piccola rivincita e vendicare quella storica ed avversa notte europea.

LEGGI ANCHE: Rassegna stampa Juve: prime pagine quotidiani sportivi – 4 novembre 2020

Condividi