Ferrero: «Siamo felici della ripresa della Serie A, l’importante è ripartire»

Iscriviti
ferrero sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, ha parlato della ripresa del campionato e dei casi positivi tra i blucerchiati

Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Gonfialarete.com su vari argomenti tra cui la ripresa del campionato e i casi positivi del club blucerchiato.

RIPRESA SERIE A – «Siamo felici della ripresa della Serie A, iniziare il campionato vuol dire che il mostro del coronavirus si sta dileguando e possiamo tornare alla normalità. Combattevamo contro un nemico invisibile ma ho sempre detto che con i presupposti giusti si poteva ripartire e ora ci siamo. Io sono stato il più danneggiato, faccio calcio e cinema ed entrambi erano fermi. Ma io amo entrambi i mondi, e li ho aspettati, adesso ripartiamo».

DIRITTI TV – «Non so cos’abbia detto Spadafora, lui fa politica e noi facciamo calcio e quindi andrebbe chiarito e specificato cosa veramente lui intendesse. Un conto è dirlo e un conto è farlo. Con le pay tv non ci sono dispute, ci sono accordi che vanno rispettati. Sky ha bisogno del calcio e il calcio ha bisogno di Sky. Io abbasserei un po’ i toni, torniamo allo sport perché in questo periodo si è parlato tanto, la miglior parola a volte è quella non detta. Speriamo di finire il campionato e tornare alla normalità. Tutti parlano, il comitato scientifico, il Governo che conta tante persone a decidere. Sarebbe meglio stare zitti. Io capisco tutti ma proprio non sapendo cos’è questo Covid-19 io sto zitto. Fino a quando non arriverà il vaccino bisognerà pregare Dio».

VALORI – «L’importante è ripartire. La Sampdoria se la giocherà con tutti, chi è più bravo vince. Noi non temiamo l’Inter così come le altre squadre. Ho chiesto di affrontare prima i recuperi, magari avremmo bisogno anche di un po’ di fortuna. Adesso abbiamo Inter, Roma, Bologna e Spal: ci divertiremo».

POSITIVI – «Siamo stati colpiti prima, anche il nostro medico a cui voglio molto bene sta meglio. I ragazzi stanno bene, sono sereni e hanno voglia di giocare. Questa cosa è molto triste, perché questa malattia non la conosciamo. Abbiamo avuto tra le 15 e le 17 persone positive, non è uno scherzo. I ragazzi sono felici, tranquilli, si stanno allenando, siamo felici di poter ricominciare a giocare».

Condividi